MARTINSICURO – Accordo tra balneatori e amministrazione sulla vigilanza nelle spiagge truentine. Gli addetti al salvamento non limiteranno più il loro raggio d’azione alla concessione balneare ma a 15o metri lineari di fronte mare. Questo per rispettare la nuova ordinanza della capitaneria di porto regionale che impone ai comuni costieri di coprire tutti i tratti di spiaggia libera con un servizio di salvamento pubblico ed in caso di mancanza del servizio la pubblica amministrazione può decidere di chiudere l’accesso in mare con una ordinanza di divieto di balneazione.

“Tutto ciò ci ha portato – dice l’assessore al demanio, Massimo Corsi –  visto il grande rispetto per il nostro turismo che dal 2012 ha solo avuto dati positivi (crescita del 12% dal 2012 al 2014), a sensibilizzare i nostri operatori titolari di concessioni ad una visione globale del salvamento e non più singola, grazie anche alla mediazione del comandate della capitaneria di porto, Vincenzo Stefanìa, oggi abbiamo  firmato un accordo con molti (aspettiamo ancora tutti gli altri) concessionari sulla copertura non più  per la propria concessione bensì per i 150 mt lineari di fronte mare, riducendo così di fatto il numero massimo di bagnini con un costo inferiore per ogni singolo e sopratutto la copertura (quando si arriverà al 100% delle concessioni) di tutto il litorale sia in concessione che di spiaggia libera.

Questo  personale obiettivo  era in programma sin dai primi giorni di insediamento ma non è stato così facile da organizzare.

Siamo solo alla fase iniziale, quindi questa stagione sarà di coordinamento e di allenamento ad una futura spero Cooperativa – Associazione o altra forma giuridica di Bagnini che copriranno tutto il territorio dando lustro ad una località turistica come la nostra.

Un grazie di cuore a tutti coloro che hanno già sottoscritto l’accordo”

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 170 volte, 1 oggi)