SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mercoledì pomeriggio i rappresentanti delle liste che si presenteranno alle elezioni del 5 giugno si recheranno in Prefettura per discutere della ripartizione degli spazi elettorali spettanti a ciascun candidato sindaco.

Le indicazioni riguarderanno anche le regole sui gazebo che insistono sull’isola pedonale del centro e del lungomare nei giorni di sabato e domenica. Lo scorso weekend gli agenti della Polizia Municipale avevano segnalato alle varie forze politiche l’impossibilità, secondo regolamento, di esporre manifesti riportanti i volti dei politici.

La norma impone ai gazebo, a partire dal 30esimo giorno antecedente il voto, di non presentare raffigurazioni, fotografie, simboli, diciture o colori che direttamente o indirettamente richiamino formazioni politiche o candidati. All’interno e all’esterno degli stand “non devono essere esposti o affissi drappi, striscioni, manifesti e quant’altro sia riconducibile a forme di propaganda elettorale a carattere fisso”. Via libera invece a bandiere di partiti e movimenti, quando queste servono ad identificare la titolarità della struttura.

La libertà è maggiore per gli spazi mobili, come le vele itineranti. In tal senso, i candidati tenteranno di far rientrare i gazebo (aperti al mattino e smontati la sera) in questa categoria. In ogni caso, la volontà è quella di strappare perlomeno l’ok per l’affissione di manifesti che mostrano la faccia dei candidati sindaco.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.103 volte, 1 oggi)