FERMO – Nelle ultime 24 ore la Polizia di Stato ha operato una stretta sui controlli ai soggetti destinatari di misure di sicurezza od ammessi a beneficiare gli arresti domiciliari in luogo della detenzione in carcere. Più risorse umane destinate ai controlli in strada e soprattutto a vigilare su obiettivi sensibili. Questo il nuovo impulso dato dal Questore di Ascoli e Fermo Mario Della Cioppa  alle attività di controllo del territorio in sinergia con l’Autorità Giudiziaria.

I servizi effettuati, puntuali ed incisivi, hanno portato all’arresto di S.F., 40enne pregiudicato di origini campane, ed altri  che negli ultimi tempi si era reso protagonista di numerose “imprese” criminali e di violazione agli obblighi della sorveglianza speciale applicatagli su proposta  del Questore.  E’ stato eseguito anche l’arresto del cittadino tunisino C. S., 33enne. Entrambi sorpresi in flagranza del  reato di evasione per il quale dovranno risponderne all’Autorità Giudiziaria di Fermo. La Procura ne ha disposto l’immediato trasferimento in carcere in attesa del processo per direttissima che si terrà nei prossimi giorni.

Alla stessa autorità giudiziaria è stato denunciato in stato di libertà il cittadino magrebino A. H., 27enne, sorpreso dagli agenti del Commissariato nei pressi del poliambulatorio di Porto Sant’Elpidio in possesso di coltello di genere proibito. Nei suoi confronti è stato aperto anche un procedimento amministrativo in relazione alla sua posizione sul territorio nazionale.

L’attività di prevenzione, costituita da numerosi posti di controllo eseguiti dalla Squadra Volante nei punti caldi, è stata resa più efficace  con l’affiiancamento  di unità cinofile della Polizia di Frontiera  Ancona estesa anche ad istituti scolastici cittadini.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 244 volte, 1 oggi)