RIMINI – Blitz della Guardia di Finanza. I finanzieri del Comando Provinciale di Rimini hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni emesso dal G.I.P. presso il locale Tribunale cautelando quote sociali di due società, i rispettivi rami d’azienda, le licenze commerciali alle stesse riconducibili, rapporti finanziari e tre attività commerciali situate a Rimini, Bologna e Pineto per un valore stimato complessivo di circa 2.300.000 euro. L’operazione è stata rinominata “Coffee Break”.

Il provvedimento rappresenta l’atto conclusivo delle indagini eseguite dal Nucleo Pt di Rimini che hanno tratto spunto dall’attento e costante monitoraggio operato sul tessuto economico commerciale della Riviera romagnola e che hanno consentito di rilevare come le quote e la carica di rappresentante legale della società di gestione di uno storico locale riminese fossero state fittiziamente intestata a terzi al fine di consentire al reale proprietario di eludere le misure di prevenzione a cui poteva fondatamente presumere di essere sottoposto, a seguito di condanna per reati tributari.

I riscontri trasversali, effettuati anche mediante l’utilizzo di moderni software applicativi in uso esclusivo al Corpo ed il controllo economico del territorio, hanno permesso di denunciare gli intestatari di diritto e quello di fatto, per il reato di trasferimento fraudolento di valori previsto dall’art. 12 quinquies della L.356/1992.

Il 20 aprile i finanzieri del Nucleo Pt di Rimini hanno dato esecuzione al provvedimento di sequestro. I beni sequestrati sono stati affidati ad un amministratore giudiziario.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 608 volte, 1 oggi)