COSTA MARCHIGIANA (entro le 12 miglia)
5 PERMESSI DI ESTRAZIONE
11 PIATTAFORME
8 POZZI DI PETROLIO
17 POZZI DI GAS
3 CENTRI DI RACCOLTA E TRATTAMENTO

6 BUONE RAGIONI PER VOTARE SI:
1) Con la vittoria del SI le estrazioni ed i permessi di ricerca entro le 12 miglia sarebbero fermate alla scadenza della concessione in corso, al contrario potranno continuare ad estrarre fino all’esaurimento del giacimento, contando su innumerevoli proroghe.
2) Il tempo delle fonti fossili è scaduto, puntare sugli idrocarburi è una politica energetica sbagliata, vecchia, che guarda al passato invece che al futuro, il futuro sono le energie rinnovabili, in Italia il 40% dell’elettricità prodotta viene da queste fonti, il nostro Governo deve, da subito puntare verso questa direzione.

3) Le estrazioni di petrolio e gas sono attività inquinanti, due su tre, dei tratti di mare intorno alle piattaforme in Adriatico risultano inquinati da sostanze chimiche pericolose e metalli pesanti (fonte Greenpeace/Ministero dell’Ambiente), anche le ricerche effettuate con la tecnica dell’Airgun (esplosioni di aria compressa sui fondali) hanno effetti devastanti per l’habitat e la fauna marina.

4) Le estrazioni non incidono sull’indipendenza energetica del nostro Paese, infatti se fossimo in grado di estrarre contemporaneamente tutte le riserve certe ed anche quelle probabili, il gas coprirebbe il fabbisogno nazionale per 20 mesi ed il petrolio per 32 mesi (fonte Mise).

5) Trivellare il nostro mare è un affare solo per i petrolieri, nel 2014, in Italia, sono stati estratti idrocarburi per un valore di 7 miliardi di euro, di cui 6,580 miliardi (94%) sono andati alle multinazionali, 420 milioni allo Stato, Regioni e Comuni, questo perché in Italia si pagano royalty intorno al 6% , mentre in Norvegia si arriva all’80%.

6) Alla Conferenza Onu sul clima tenutasi a Parigi lo scorso dicembre, l’Italia – insieme con altri 194 Paesi- ha sottoscritto uno storico impegno a contenere la febbre della Terra entro 1,5 gradi, perseguendo con chiarezza e decisione l’abbandono dell’utilizzo delle fonti fossili. Fermare le trivelle vuol dire essere coerenti con questo impegno.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 381 volte, 1 oggi)