FERMO – Operazione effettuata dagli agenti del  Commissariato della Polizia di Fermo. E’ stato denunciato alla Procura di Fermo S.F. 40enne pregiudicato di origini campane che dovrà rispondere di ricettazione, resistenza a Pubblico Ufficiale, e soprattutto di violazione agli obblighi della sorveglianza speciale a cui è sottoposto.

L’uomo infatti, in relazione alla propria condotta delinquenziale  su proposta del Questore di Ascoli Piceno Mario Della Cioppa, divenne destinatario della misura di sicurezza della Sorveglianza Speciale.

L’ultima azione lo ha visto protagonista di una  “specialità” nota nel mondo della malavita con il  nome di ”cavallo di ritorno”, e consiste nel proporre alla vittima del reato la restituzione di quanto rubato in cambio di una somma di danaro.

S.F. infatti ha proposto ad un professionista locale, M.G. di Fermo, la restituzione di una cassetta contenente strumenti di lavoro in cambio di denaro, operazione in cui si sono inseriti gli investigatori che si presentavano all’appuntamento concordato con la vittima di turno.

Il delinquente, trovato poi in possesso del denaro cedutogli dal professionista, riusciva a divincolarsi dalla presa degli agenti e si dava a una precipitosa fuga. Dopo un breve inseguimento  per il quartiere del Lido Tre Archi, S.F. è stato bloccato ed accompagnato negli uffici di Polizia.

Nel corso dell’operazione la Polizia del Commissariato di Fermo recuperava diversi oggetti di provenienza furtiva (alcuni dei quali venivano restituiti al professionista) altri tra cui un costosissimo rasa-erba riconsegnati ad altri cittadini che li riconoscevano come propri, ed altri ancora giacenti presso il Commissariato in attesa di riscontri. Sviluppi si attendono nei prossimi giorni.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 585 volte, 1 oggi)