La primavera porta luce e sole caldo ed anche fermento ed idee. La nostra amata città di San Benedetto si avvia ad un’altra stagione estiva con le sue speranze e preoccupazioni. Diciamo la verità, l’inverno non e’ stato particolarmente freddo ma molto cupo e difficile.

Abbiamo notato una maggior perdita di appeal che dobbiamo recuperare al più presto, il cambio della guardia sulla poltrona del sindaco rende le cose ancora più incerte e si rischia una stagione nella terra di mezzo. Grandi manovre e grandi battaglie per un potere che fa gola a tanti ma soprattutto ai soliti noti: c’è chi già si sente vincitore e chi è pronto a combattere, i miei migliori in bocca al lupo ad entrambi.

Io ripartirei dalla curva Sud dello stadio Riviera delle Palme che nell’ultima partita in casa ha visto la partecipazione di 1500 ragazzi delle scuole sono loro il nostro futuro ed è a loro che dovremmo rivolgerci per fargli trovare qualcosa di buono nei prossimi anni. Ecco perché, come ho scritto in passato, i giovani dovrebbero prendere in mano le redini della città con le loro idee ed il loro entusiasmo magari aiutati un po’ dalla saggezza dei più anziani. Porto, lungomare, Albula, Ballarin, piscina, turismo, tutto l’anno. Penso che siamo ad un bivio importante e fondamentale: adesso o mai più. Tante le manovre ma di idee belle e vincenti ancora poche e mi rivolgo a tutti gli schieramenti.

Io quasi per uno scherzo del destino mi sono ritrovato a fare il consigliere comunale per un brevissimo periodo, ho fatto delle proposte, una sul grande evento legato agli anni ’80 che magari vi illustrero nei prossimi articoli ed un altro legato alla Street Art trasformando un intero quartiere in un museo a cielo aperto, ma di questo ne ho già parlato un po’ di tempo fa.

Non so se un giorno verranno mai realizzati ma la cosa importante era dire la mia e così ogni cittadino con idee serie e senza tornaconto dovrebbe dire la sua. Vi invito pubblicamente a “dire la vostra” a scrivere  e mandare proposte (potete commentare questo articolo e anche la redazione di Riviera Oggi si mette a disposizione, per contatti info@rivieraoggi.it, ndr). Abbiamo bisogno di una primavera costante e di gente pulita che abbia un unico e solo interesse, lo sviluppo e la crescita di una città che merita molto.

Di conseguenza immagine, posti di lavoro, economia in ripresa verrebbero da soli. Per cui diffidiamo di chi scalda troppo la poltrona oppure di chi per anni ha fatto i propri comodi ed ora ad età avanzata vorrebbe entrare in politica dopo aver battuto tanti record negativi. Ho la sensazione che i cittadini hanno smesso nell’avere un senso di rassegnazione e sono più vigili ed attenti e sapranno giudicare con fermezza.

La mia piccola esperienza politica si fermerà qui, posso mettere a disposizione le mie idee ma mi piacerebbe vedere in consiglio comunale gente veramente preparata piena di entusiasmo che realizzi cose importanti aldilà dei propri interessi personali. Noi abbiamo la possibilità di trasformare questa città come un eterna primavera, con il suo sole caldo e la sua magica luce su di un mare morbido.

Stevie Wonder mi ha tenuto compagnia con la sua musica sognante e leggera  dolce e forte.

Ps

Volevo dire inoltre che questa città per essere regolamentata nella movida avrebbe bisogno della figura di un “sindaco della notte”, ruolo non di fantasia ma già attuato da grandi città europee con risultati eccellenti. Educazione e rispetto:il problema dei decibel si risolve con regole certe e impianti adeguati,  basta investire per i gestori, e 55 decibel sul muro della prima casa: ma sto ancora studiando, ne riparleremo

Con rispetto Gianni Schiuma

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.216 volte, 1 oggi)