MONTEPRANDONE- Continua l’impegno dell’Asd “C’era una volta” di Monteprandone sul tema dell’infanzia. L’associazione monteprandonese ha infatti ospitato, riscuotendo un ottimo successo in termini di presenza tra bambini e loro genitori, una tre giorni dedicata alla formazione sui “giochi della gentilezza”.

Questa particolare attività, inventata dal piemontese Luca Nardi, presente anche al seminario di Monteprandone del 18-19 e 20 marzo, è una preparazione all’attività ludica, rivolta ai bambini, in cui si allenano, attraverso il gioco, i piccoli all’insegna di valori importanti come la gentilezza appunto, la solidarietà e l’accettazione reciproca.

A Monteprandone, l’opera di Luca Nardi, che sull’argomento tiene anche un aggiornato blog dal nome Cor et Amor, è stata recepita da Clelia Spotorno, presidente di “C’era una Volta”, la quale, insieme al suo fidato braccio destro Linda Quinzi, da qualche anno gestiscono un frequentato doposcuola dove le idee e i percorsi ludico-educativi dello stesso Nardi trovano il loro meritato spazio.

Durante il seminario, lo stesso Luca Nardi e Stefania Bozzalla Gros, allenatori dei giochi, si sono occupati della formazione che è servita a bambini e genitori “per approfondire l’approccio agli stessi giochi” come riporta lo stesso blog, e poterlo impiegare per allenare alla pratica della gentilezza in ambito sportivo, ricreativo e scolastico i bambini, dai 3 ai 10 anni, a cui si rivolge l’associazione. Secondo Luca  e Stefania infine, “Clelia e Linda,  laureate rispettivamente in psicologia e filosofia, sono meritevoli di fiducia, in quanto coordinano e seguono le attività dell’associazione C’era un volta con passione, dedizione e tanta attenzione, per fare stare bene i bambini”.

Un riconoscimento in più insomma, per una realtà, come quella monteprandonese dell’Asd, che è impegnata tutti i giorni in un compito tanto nobile quanto impegnativo.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 321 volte, 1 oggi)