MARTINSICURO – La sospensione dell’iter della demolizione dell’Ex Cinema Ambra non passa in consiglio comunale e le minoranze tornano all’attacco. A prendere la parola è il consigliere Massimo Vagnoni, capogruppo di Progetto Comune, che punta il dito contro la giunta Camaioni, accusandola di non saper dare, dopo 4 anni, risposte concrete alle esigenze di valorizzazione del centro cittadino.

“Ancora una volta la politica ha rinunciato a dare un segnale di forte cambiamento culturale – si legge in una nota – Il Cinema Ambra rappresenta l’emblema del fallimento di una maggioranza incapace, dopo quasi 4 anni dal proprio insediamento, di dare concrete risposte alla esigenza di valorizzare il centro del nostro paese attraverso un percorso serio e veloce che porti alla realizzazione di una struttura polivalente con finalità socio culturali.

Le proposte operative presentate nello scorso mese di Dicembre, e discusse nel Consiglio di Martedì scorso (dopo più di 3 mesi e mezzo), erano l’occasione per dimostrare concretamente la volontà di trasformare in realtà le intenzioni, rimaste buone solo in teoria.

Purtroppo, abbiamo dovuto constatare ulteriormente come questa struttura non rappresenti ancora una priorità per una maggioranza incapace di investire sul futuro della nostra Città .
Aver speso soldi per un concorso di idee senza alcuna prospettiva, aver perso il finanziamento della Fondazione Tercas nonché tutte le successive opportunità di finanziamento, non avere ancora una alternativa progettuale seria e credibile, rappresenta una sconfitta per chiunque abbia a cuore un riscatto sociale e culturale della nostra Città .

Per questo, preoccupati dell’immobilismo di questi 4 anni, avevamo chiesto all’amministrazione di mettere da parte le motivazioni di carattere politico che li avevano indotti a bloccare nel 2012 la ristrutturazione dell’ex Cinema Ambra, e di confrontarci, su come poter modificare i progetti esistenti in modo da renderli più funzionali e più economicamente sostenibili .
La solita chiusura ad ogni confronto conferma come per questa maggioranza (che pare voglia commissionare un nuovo e ulteriore progetto, come se non ce ne fossero già altri, senza tra l’altro specificare tempi e fonti di finanziamento) la realizzazione di questa struttura possa ancora attendere.

Con buona pace per un centro della nostra città che si sta spegnendo sempre di più, delle tante associazioni culturali che non hanno spazi ove poter esercitare le proprie attività, dei tanti ragazzi che non hanno una adeguata biblioteca da poter frequentare, dei tanti cittadini che non possono usufruire di luoghi di socializzazione.

L’ennesimo passo indietro di una Città nella quale, una volta eletti ci si scorda sempre delle priorità.

Una criticità che ha interessato ogni amministrazione, certo, quindi anche quella di cui faceva parte il sottoscritto, ma che almeno aveva posto su questo tema un primo tassello per iniziare la ristrutturazione dell’opera (Vedi documento clicca qui); con il massimo rispetto di tutte le opinioni in merito (sul fatto che non vi era copertura totale dell’opera, sul fatto costava troppo o che non piaceva esteticamente, ecc.), mi pare tuttavia che, in confronto a chi ha causato la revoca di questo finanziamento (secondo documento clicca qui), generando un effetto domino negativo per tutte le altre prospettive di finanziamento (Regionali e statali), senza aver saputo fornire ad oggi una valida alternativa, l’eredità lasciata a questa amministrazione meritasse un approccio ben diverso .
Un errore le cui conseguenze ce le porteremo dietro per tantissimo altro tempo . Che peccato!”

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 313 volte, 1 oggi)