SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato, giunto in redazione, da parte della professoressa Monica Vita dell’Istituto “A. Capriotti” inerente all’incontro tra gli studenti e il dottor Mauro Mario Mariani.

Si rinnova anche quest’anno all’Istituto “A. Capriotti” l’appuntamento con il dottor Mauro Mario Mariani, il “mangiologo”, come ama definirsi, che ha incentrato la sua attività professionale sull’importanza di una corretta alimentazione. È la Dieta Mediterranea, patrimonio immateriale dell’Unesco, il modello nutrizionale da seguire nel rispetto del territorio e delle tradizioni culturali locali.

Il tema, per la sua importanza e la sua attualità, è da anni al centro dell’interesse e dell’impegno della nostra scuola. E il dottor Mariani è riuscito come sempre con la sua verve e la sua professionalità a catalizzare l’attenzione degli oltre cento studenti e degli insegnanti intervenuti alla conferenza e a offrire spunti di riflessione importanti sulle nostre scelte alimentari quotidiane.

“L’educazione alimentare è da anni uno dei punti cardine del nostro POF d’Istituto, nonché una delle Linee guida raccomandate dal MIUR – dichiara la Dirigente Scolastica Elisa Vita. – Sono fermamente convinta dell’importanza dell’informazione in ogni ambito della vita civile dei nostri ragazzi per formarli e sensibilizzarli su tematiche relative alla scienza e alla cultura, che influiranno positivamente sulle loro scelte future”.

Il dottor Mauro Mario Mariani, medico chirurgo specializzato in angiologia, ha spiegato agli attenti ascoltatori che la Dieta Mediterranea è basata essenzialmente su cinque elementi fondamentali: frutta, verdura, legumi, cereali e olio extravergine di oliva (olio Evo) per impostare uno stile di vita all’insegna del benessere psicofisico.

Perché se è vero che “Siamo quel che mangiamo”, come asseriva il filosofo Feuerbach, è perché il cibo influenza non solo il nostro corpo, ma anche la nostra mente.

“Il Tao dell’alimentazione, pubblicato lo scorso dicembre, è il racconto della mia vita – sottolinea il dottor Mariani. – E comunicare salute è il mio obiettivo”.

Un libro frutto di 25 anni di studi e di ricerche, di esperienze professionali e di emozioni, in cui l’autore dichiara che il cibo non assume mai alcuna sfumatura di grigio, ma è o bianco o nero, fa bene o fa male. Perché il cibo è essenzialmente educazione, consapevolezza, scelta, metodo.

Inoltre il cibo è cultura e condivisione, una tradizione preziosa, un richiamo alla semplicità e all’essenziale, tutti aspetti fondamentali della vita dell’uomo e manifestazioni connesse ad un’unica totalità.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 318 volte, 1 oggi)