SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono circa 140 i pre-iscritti alle primarie del centrosinistra in programma il 6 marzo. Le registrazioni, riservate a minorenni ed extracomunitari residenti a San Benedetto, sono state effettuate tra mercoledì e venerdì, dalle 17 alle 19 presso la sede Pd di Via Manara.

Il 2 marzo le iscrizioni erano state una decina, per salire a sessanta giovedì. L’impennata – come prevedibile – si è verificata nell’ultimo giorno disponibile. Il dato andrà rapportato all’affluenza complessiva alle consultazioni che vedranno in campo Sorge, Di Francesco, Perazzoli e Capriotti.

Intanto, giovedì sera si è riunito il Comitato Organizzatore composto dalla segretaria comunale, dai tre coordinatori dei circoli (Manfroni, Giobbi, Rosetti) , dal segretario dei Gd (Daniele Di Fortunato) e da un sostenitore per ciascun candidato: Felice Gregori per Perazzoli, Vinicio Liberati per la Sorge, Giulietta Capriotti per Di Francesco e Daniela Bigossi per Capriotti.

A tenere banco è stata ancora una volta la norma contenuta nel regolamento che nega il voto “a coloro che ricoprono incarichi o che siano comunque notoriamente esponenti di partiti o movimenti politici avversi al Partito Democratico”.

Una precisazione che ha dato il là a svariate interpretazioni, come quella di chi vorrebbe impedire l’ingresso ai seggi a Loredana Emili e Sergio Pezzuoli, ‘nemici’ dell’amministrazione e tra i responsabili del mancato raggiungimento del numero legale nel Consiglio del 29 febbraio che avrebbe dovuto approvare il bilancio di previsione.

“Non è stato deliberato niente – precisa Felice Gregori – è stata posta la questione e abbiamo risposto che essere avversi all’amministrazione non significa essere avversi al Pd. Quando Gaspari faceva rimostranze legittime al governatore Spacca non veniva accusato di essere avverso al Pd. Domenica non ci saranno problemi, la reputo una discussione senza fondamento”.

Ai promotori della linea anti-dissidenti sarebbe stato esposto l’esempio di Domenico Pellei, anch’egli ostile all’attuale amministrazione ma potenziale alleato in futuro.

“Si sta effettuando una caccia alle streghe, oltretutto rivolta verso due sole persone, quando ci si attendono ai seggi più di 3 mila votanti. Di cosa stiamo parlando?”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 794 volte, 1 oggi)