SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il sindaco Gaspari predisporrà presto una nuova ordinanza rivolta a tutti i locali che vorranno restare aperti dopo l’una di notte. “Dopo quell’ora si possono consumare alcolici solo all’interno delle strutture – ha detto il primo cittadino nel corso del Consiglio Comunale di venerdì – gli esercizi che non chiuderanno dovranno dotarsi di un personale adeguato per la sicurezza in grado di tutelare i beni privati”.

L’amministrazione comunale sta ragionando sulla stesura del testo per evitare che possa essere impugnato. “Il discorso è semplice – ha proseguito il sindaco – se nel quadrilatero interessato ci sono venti locali, saranno venti le persone autorizzate a garantire la sicurezza”.

La sorveglianza privata andrà ad aggiungersi ad altre misure di competenza comunale, come il potenziamento della Polizia Municipale e l’installazione di 37 telecamere. “Abbiamo mandato alla prefettura le caratteristiche tecniche e abbiamo chiesto al garante della privacy l’autorizzazione a procedere. In ogni caso, non avremo la certezza che non accadrà più nulla, il delinquente di turno ci potrà sempre essere”.

Mercoledì sera Gaspari ha incontrato i ragazzi aggrediti lo scorso weekend in Via San Martino e il mattino seguente ha partecipato alla riunione del Comitato Provinciale dell’Ordine e della Sicurezza: “Al questore ho chiesto di adottare una linea di fermezza, che preveda anche la possibilità di rimpatrio dei responsabili. In subordine, come misura accessoria, si potrebbe attivare l’obbligo di dimora in determinate fasce orarie. Si tratterebbe di una pena accessoria. La violazione di questa porta ad una pena di reclusione fino a tre anni”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 608 volte, 1 oggi)