GROTTAMMARE – Vittoriosa lotta contro il punteruolo rosso con un netto calo di infestazioni nel corso del 2015. Dal 2009, anno di avvio dell’infestazione, ad oggi sono stati eseguiti 2 censimenti sulla qualità delle palme Phoenix: nel 2011 erano presenti sul territorio 850 palme; nel 2015 il totale è di 323. Nel corso di 5 anni, dunque, il 62% del patrimonio Phoenix è stato colpito dal coleottero asiatico; di queste palme attaccate, circa il 30% è ancora in vita.

Negli ultimi 2 anni c’è stata una forte riduzione di attacchi, grazie ai trattamenti di prevenzione che sono stati attuati: su 319 palme sottoposte a trattamento preventivo solo 7 sono state attaccate dal punteruolo. Una terapia che, visti i risultati, verrà riproposta anche quest’anno, grazie al supporto della ditta specializzata Nico Green.

E’ in atto, inoltre, una strategia di rimpianto delle palme Phoenix, con l’obiettivo di riempire il vuoto causato dalle tante infestazioni degli anni passati: saranno introdotte 30 nuove essenze, grazie alla collaborazione con i vivai Santori e Nicola Brutti, a partire dallo Chalet Acquarius procedendo verso Nord.

“Stiamo raggiungendo una situazione di equilibrio – afferma l’agronomo comunale Elisa Mauro – tra la presenza del parassita sul territorio e la sopravvivenza delle palme. Da un punto di vista numerico l’infestazione è decisamente in discesa, infatti, nel 2015 si sono registrati solo 8 casi di infestazione, contro le 48 nel 2014. Tutto ciò è stato possibile grazie alle cure adottate e alla linea di prevenzione seguita. Considerati i dati confortanti abbiamo quindi deciso di rimpiantare le essenze Phoenix, nonostante abbiano maggiore probabilità di attecchimento. Siamo fiduciosi e ottimisti”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 551 volte, 1 oggi)