Clementi: “È stata una vittoria di grandissimo valore, non tanto per la corsa al primo posto che per il momento non mi preoccupa più di tanto, ma perché oggi per la prima volta siamo andati in difficoltà sul piano del gioco contro una squadra che gioca molto bene a calcio e questo aumenta il valore dei tre punti. Era fondamentale vincere altrimenti il match contro la Samb non avrebbe avuto valore. Nel primo tempo abbiamo limitato i danni, anche se non siamo riusciti a sfruttare le numerose occasioni create grazie alle ripartenza di Vittorio Esposito, che è stato favoloso nel far reparto spesso da solo. La sua espulsione finale ci rovina chiaramente la vittoria. Per domenica proveremo a inventarci qualcosa di diverso, ma è logico che senza di lui diventiamo una squadra “normale” .Non posso comunque essere arrabbiato, le due ammonizioni sono state quasi involontarie. Al di la di tutte le chiacchere che sono state fatte ad inizio anno su di lui, posso affermare che invece per noi è un uomo-squadra, ha un comportamento ineccepibile, dopo l’espulsione l’ho visto piangere perchè ci tiene molto. Certo, non è uno stakanovista, non si allena tutti e cinque i giorni con la stessa intensità, con un “sergente di ferro” avrebbe difficoltà, ma noi dobbiamo solamente ringraziarlo perché ci sta dando tanto. Domani non sarò al Riviera per vedere Samb-Fano, rimango a casa con moglie e figli”

 Epifani: “Io non mi lamento mai degli arbitri però oggi ho visto poco rispetto per una squadra che ha dato tutto e che meritava di portare a casa un risultato positivo. Nel primo tempo abbiamo giocato solo noi e siamo andati in svantaggio su un rigore inesistente. Un’arbitro che ha come metro di giudizio di non fischiare poco o niente e poi da un rigore per una “spallata” penso sia inaccettabile. Mi dispiace soprattutto per i ragazzi, li ho visti abbattuti, hanno fatto una grande gara contro una squadra importante, che oggi è stata un po’ aiutata”

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.191 volte, 1 oggi)