CUPRA MARITTIMA – Continua l’esperienza del “turismo partecipato”, termine adoperato a Cupra Marittima per indicare il nuovo corso del turismo cittadino, già intrapreso negli anni trascorsi. Metodo ribadito dal sindaco Domenico D’Annibali e dal presidente Acot Paolo Nespeca.

Si tratta di una soluzione attivata da qualche anno per evitare l’applicazione della tassa di soggiorno, prevedendo in sostituzione il contributo economico di tutti gli addetti ai lavori, operatori turistici, albergatori, concessionari di spiaggia, titolari di campeggi, affittuari estivi.

Si raccoglieranno anche quest’anno delle risorse da destinarsi al turismo cittadino, per l’organizzazione di eventi, favorire l’accoglienza, continuare a rendere Cupra Marittima una meta amata e preferita dai turisti. Si potranno promuovere vecchie e nuove iniziative costruite sulla partecipazione attiva dei protagonisti del settore turistico cuprense e dell’intera comunità. L’Acot ed il comune con l’ufficio competente faranno da punto di riferimento per raccogliere le adesioni e fornire tutte le informazioni necessarie.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 494 volte, 1 oggi)