SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella mattinata di domenica 7 febbraio l’Unione Rugby di San Benedetto del Tronto ha ospitato per la prima volta al nuovo campo Nelson Mandela un raggruppamento di giocatori delle categorie Under 8,10 e12. Sei le società coinvolte – Amatori Rugby Ascoli 1960, Fenice Rugby Club di Fermo, Legio Picena Rugby, Rugby Tortoreto, Teramo Rugby e Unione Rugby di San Benedetto del Tronto – che sono affrontate in gironi all’italiana sul fantastico campo in erba del Nelson Mandela, suddiviso per l’occasione in tre zone di gioco.

I circa 140 giocatori iscritti, nelle loro uniformi colorate, hanno “invaso” gioiosamente il campo e iniziato a riscaldarsi, anche per combattere le basse temperature. Dopo il briefing di tutti gli allenatori con il Responsabile del raggruppamento della Federazione Italiana Rugby,  la passione per il rugby è esplosa alle 10 con il fischio di inizio, in nome dell’amicizia, del divertimento, del rispetto per le regole e della condivisione.

Tutti i giocatori hanno cominciato a giocare,divisi nelle categorie di appartenenze  sostenuti da amici e  genitori che, rigorosamente a bordo campo, non hanno mancato di applaudire tutti, vincitori e sconfitti. Stanchi e sporchi – ma sorridenti – i giocatori si sono riuniti  alla Club House al termine degli incontriper il rituale Terzo tempo caldo. Hanno contribuito all’ottima riuscita dell’evento i Dirigenti dell’Unione Rugby, gli allenatori e i collaboratori.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 260 volte, 1 oggi)