CIVITANOVA – Continua il momento negativo per la Tecno calcio a 5 del presidente Arcangelo Grossi. La compagine rivierasca, che milita nel girone C del campionato di serie C2, sembra aver perso quelle certezze e quella voglia di vincere che aveva caratterizzato il suo cammino prima della lunga sosta natalizia. Pesano indubbiamente una forma fisica non ottimale del gruppo e una rosa sempre ristretta che non permette a mister Leonardo Grossi di ruotare al meglio il quintetto e di avere i giocatori lucidi durante l’arco dei 60 minuti.

A beneficiare delle lacune della squadra rossoblù questa volta, è il Civitanova 1996, squadra delle zone basse della classifica, che supera la Tecno 3-2 mettendo in campo tutto l’agonismo e la voglia di ben figurare di fronte alla capolista.

Partita sempre in mano ai civitanovesi, che colpiscono di rimessa grazie anche a clamorose ingenuità difensive dei rivieraschi. Non va meglio in attacco dove sono tante le occasioni buttate al vento, anche per la bravura dell’estremo difensore avversario. Nel finale Tecno poco lucida e incapace di sfruttare due tiri liberi e una superiorità numerica che le avrebbe consentito di strappare almeno un punto e mantenere a distanza le inseguitrici che si fanno sempre più minacciose. Alla fine il Civitanova 1996 vince con merito e senza rubare nulla.

A segno per i sambenedettesi Crescenzi e Mariani con quest’ultimo e il capitano Cocciò che sconteranno un turno di squalifica per recidività di ammonizioni nel prossimo impegno casalingo contro Amici 84, in programma venerdì 5 febbraio alle ore 21.45 al PalaSpeca. Info sul sito: http://www.futsalmarche.it/regionali/serie-c2-girone-c

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 305 volte, 1 oggi)