SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tonino Capriotti c’è. Il candidato renziano alle primarie del Partito Democratico comincia la sua campagna elettorale da Fosso dei Galli, estrema periferia sambenedettese.

Alla Cabina Welcome, Capriotti dà la sua definizione di innovazione: “Per me significa che se il Comune ha trenta giorni per rispondere ad una richiesta, entro trenta giorni deve rispondere. Non è accettabile che non si rispettino i tempi. Si dica di sì o di no, ma si risponda. Se non ci si riesce, o va rivista l’organizzazione della macchina amministrativa, o va sostituita qualche persona”.

Il vicesegretario dei democrat fissa le priorità: sociale, lavoro, servizi, sicurezza, ambiente e cultura. “Il mio Comune sarà al fianco delle famiglie. A San Benedetto tante non hanno una casa e tante sono le case sfitte, è un paradosso. Nel giro di cinque anni effettueremo una grossa riduzione delle code per la richiesta di una casa”.

Appassionato di sport, settore col quale è strettamente in contatto, Capriotti lamenta il proliferare di troppe società sportive: “Occorre una selezione – afferma – la pubblica amministrazione può svolgere verifiche e censimenti, se diventerò sindaco entrerò all’interno delle società per conoscerle”.

Promotore della fusione dei Comuni, il rottamatore condanna senza mezze misure il campanilismo tra Ascoli e San Benedetto: “E’ un concetto fuori dal tempo, iniziamo a ragionare come territorio. Non siamo nemmeno la metà di un quartiere di Roma. Va attivata – prosegue – una democrazia deliberativa. Oggi deleghiamo le persone a rappresentarci, la democrazia deliberativa è un’altra cosa. Con me il cittadino deciderà in prima persona”.

Per il rilancio delle attività commerciali Capriotti punta al porto, mentre sul fronte della sanità il monito è chiaro: “La politica non deve gestirla, ma indirizzarla e controllarla”. E per la riqualificazione del lungomare nord scattano gli elogi alla giunta: “L’amministrazione ha fatto tanto, tra mille difficoltà ha tenuto, rilanciandosi sul finale. I lavori sul litorale sono un gesto di speranza e di crescita”.

La campagna d’ascolto proseguirà domenica in Via Risorgimento: “Il nuovo sono io, rappresento la vera novità delle primarie”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 632 volte, 1 oggi)