SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Nucleo di Polizia Tributaria di Ascoli Piceno ha concluso nei giorni scorsi una complessa indagine di polizia giudiziaria che ha riguardato gli ambiti della gestione amministrativa e contabile di due importanti società di trasporto pubblico di Ascoli Piceno e, in particolare, il servizio di biglietteria che mediante convenzione è stato affidato a due imprese, l’una di Ascoli Piceno e l’altra di San Benedetto del Tronto.

Gli approfondimenti investigativi hanno consentito di riscontrare ammanchi dalle casse delle due società di trasporto pubblico per oltre un milione di euro in conseguenza dei quali sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria tre responsabili per le ipotesi di reato di “Peculato”: il 43enne C.A., il 59enne C.G. e il 60enne P.A., quest’ultimo denunciato anche per il reato di “Abuso d’ufficio”.

Le indagini, avviate nel 2014 in seguito ad alcuni esposti presentati all’Autorità Giudiziaria, si sono concentrate sulla capillare ricostruzione dell’evoluzione delle posizioni debitorie delle agenzie, originate dall’affidamento del servizio di biglietteria in un arco temporale di oltre 10 anni (dal 2004 al 2014). E’ stato così accertato che gli indagati, titolari delle concessionarie, attraverso le loro agenzie ed in virtù di una specifica convenzione pubblica pur riscuotendo regolarmente i corrispettivi di vendita dei biglietti e degli abbonamenti per il trasporto pubblico (sia urbano sia extraurbano) non provvedevano poi a riversarli come dovuto nelle casse delle società pubbliche.

Un sistema illecito che è risultato agevolato anche dall’assenza di procedure di controllo interno in ordine alla gestione dei rapporti con le società affidatarie dei servizi di biglietteria di Ascoli Piceno e di San Benedetto del Tronto connotato da una serie di omissioni, a partire dalle informazioni dovute agli organi societari che, quando invece effettuate venivano fornite con rassicurazioni sulle posizioni creditorie delle società pubbliche, al fine di celare o manipolare i sempre più rilevanti debiti delle agenzie concessionarie anche attraverso una artificiosa gestione delle registrazioni in contabilità mediante l’adozione di specifici accorgimenti di natura contabile apprestati al solo fine di rendere difficoltosa e sempre meno intellegibile la reale situazione debitoria delle agenzie di vendita dei biglietti.

Sulla base della gravità delle circostanze così rilevate le Fiamme Gialle hanno quindi dato corso all’esecuzione del Decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, anche “per equivalente”, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Ascoli Piceno su richiesta del Procuratore Capo della Repubblica di Ascoli Piceno Michele Renzo e del Sostituto Procuratore della Repubblica Umberto Monti a fronte di un profitto da reato quantificato in 250 mila euro per ciascuno dei tre indagati in virtù del quale sono stati sottoposti a sequestro beni per un valore complessivo di oltre 500 mila euro rappresentati da una villa, un immobile ad uso abitativo e un locale commerciale con relative pertinenze tutti situati nella provincia di Ascoli Piceno oltre a disponibilità finanziarie.

Per altro verso le risultanze delle citate attività vengono ora strumentalizzate al fine di accertare le connesse responsabilità per “danno erariale”.

Un’attività concreta, quindi, che andrà ulteriormente a consolidare l’impegno della Guardia di Finanza dedicato al contrasto di ogni forma di illeciti in materia di spesa pubblica. Un settore sempre di più stretta attualità ed importanza, gestito nelle prerogative della polizia economica e finanziaria sovente in scenari investigativi complessi che, come quello in rassegna, attengono alle modalità di impiego e gestione delle risorse pubbliche distorte da casi di frode ed abusi e che incidono comunque, a qualsiasi titolo, direttamente o indirettamente, anche sul piano di un esercizio distorto di pubbliche funzioni.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.512 volte, 1 oggi)