Il nostro obiettivo è quello di realizzare un documento che rimarrà nel tempo e in grado di fornire le informazioni e i sentimenti corretti dei sambenedettesi, da valutare anche in vista delle imminenti elezioni comunali.

GROTTAMMARE – Cosa fare dei due stadi di San Benedetto? In che modo lo stadio “Riviera delle Palme”, da ormai 7 anni, risulta non totalmente agibile con uno stato di degrado ben visibile all’esterno? Qual è la soluzione? Cosa pensa a tal riguardo la Sambenedettese Calcio, fruitrice dell’impianto?

E in merito al Ballarin, oramai un rudere abbandonato a se stesso e non più fruibile per attività sportive dopo la scadenza della convenzione al 31 dicembre scorso, cosa accadrà? Si parla di una demolizione, per avere cosa, poi?

Temi importanti, decisivi per San Benedetto del Tronto tanto più a ridosso delle elezioni comunali.

Di tutto questo si è parlato durante la nostra trasmissione video “A Cena con Riviera Oggi“, giovedì 28 gennaio presso lo chalet Kooh I Noor-Fronte del Porto Beach di Grottammare a partire dalle ore 20,30.

Ospiti i rappresentanti dei due comitati di cittadini che si sono mobilitati, in questi anni, proprio per la questione del Ballarin; Andrea Gianni, avvocato di fiducia per la famiglia Fedeli e la Sambenedettese Calcio, che si sta confrontando con l’Amministrazione Comunale per lo stadio Riviera delle Palme; Paolo Beni, bandiera storica della Samb e giocatore che ha disputato il maggior numero di partite nel vecchio stadio Ballarin, Marina Rotini, presidente del comitato “Salviamo il Ballarin”. Con loro una memoria storica del Ballarin e della Samb, il direttore di Riviera Oggi Nazzareno Perotti. In conduzione Pier Paolo Flammini.

Si è sperimentato un nuovo format con interventi del pubblico. Molto vivace l’intervento dell’architetto Fabio Viviani, e successivamente quelli di Giorgio Fede e di Alessandro Fioroni.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.714 volte, 1 oggi)