FERMO – Verso le 13 del 16 gennaio il personale della Sezione Anticrimine del commissariato della Polizia di Fermo, impegnato in attività di contrasto ai reati predatori in genere lungo la Statale 16 a Porto Sant’Elpidio, ha individuato un camper con a bordo persone di sesso maschile di chiara origine Rom.

I poliziotti, per compiere le verifiche del caso, hanno fermato il veicolo e hanno identificato i cinque occupanti decidendo di portarli in commissariato, scortandoli.

Durante il tragitto, però, uno di loro si è lanciato dal mezzo in movimento ed è scappato nelle campagne vicine cercando di nascondersi in un fosso per il recupero delle acque reflue. L’azione non è sfuggita agli agenti che hanno riacciuffato l’individuo poco dopo.

Dopo approfondimenti è risultato che il fuggitivo H. M., 27enne bosniaco residente in un campo nomadi di Roma, era stato colpito da un provvedimento di carcerazione emesso nel dicembre 2015 dalla Procura di Roma e doveva espiare una pena di un anno e otto mesi di reclusione per ricettazione. Il ragazzo è stato portato nel carcere di Fermo.

A bordo del camper sono stati trovati numerosi oggetti atti allo scasso (cacciaviti, mole e altro). Il materiale è stato sequestrato. Gli altri occupanti del veicolo sono risultati con precedenti penali per reati contro il patrimonio e sono stati denunciati.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 678 volte, 1 oggi)