SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Rivolino Gavoci è della Samb. Per la verità l’ufficialità non ci può ancora essere “per motivi burocratici relativi ai tempi necessari a rendere effettiva la rescissione dal Pontedera” ci spiega il consulente Simone Perotti ma di fatti il 24enne albanese è un calciatore rossoblu a tutti gli effetti visto che oggi è arrivato anche in città con tanto di foto con annessa sciarpa scattata sul campo del “Riviera delle Palme”. Il ragazzo in ogni caso verrà presentato alla stampa domani, al termine degli allenamenti mattutini della squadra.

Nato a Scutari nel  1991, l’attaccante è salito alla ribalta nelle giovanili del Cesena con cui ha partecipato anche al Torneo di Viareggio del 2010 quando, nella fase a gironi, mise a segno 2 gol contro la Fiorentina e, guarda caso, la Sambenedettese. Dopo quest’esperienza il ragazzo ha provato l’avventura di C2 col Santarcangelo ma coi romagnoli ha racimolato solo spiccioli di presenze e così nel 2013 è approdato alla seconda squadra di Cesena, il Romagna Centro dove è riuscito, in due stagioni di D, a mettere a segno la bellezza di 40 reti attirando a sé l’attenzione di tante squadre professionistiche tra cui il Pontedera che lo preleva quest’estate.

L’albanese però con i toscani riesce a vedere il campo soltanto in 5 occasioni e così per lui si riaprono le porte del mercato e come prevedibile sono tante le società a volerlo tra cui “Monopoli, Lumezzane e Grosseto” ci riferisce lo stesso Perotti, bravo a bruciare la concorrenza e a regalare a Palladini l’ultimo tassello che consentirà d’ora in avanti di variare il parco delle soluzioni tattiche con l’utilizzo del 4-4-2 ad esempio, con Gavoci e Titone davanti e l’inserimento del giovane Candellori sulla fascia.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.987 volte, 1 oggi)