SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La ditta Laganaro srl di Melfi si è aggiudicata in via definitiva l’appalto per i lavori di riqualificazione del progetto naturalistico del lungomare nord nel tratto compreso tra il torrente Albula e via Gradisca. Si tratta delle opere superficiali edili e stradali che sono state aggiudicate con un ribasso del 26,969% sull’importo a base d’asta di 733.602,90 euro di cui 12.493,43 euro per la sicurezza.

Nel rispetto del disegno originario degli anni ’30 dell’ingegner Onorati, le balaustre verranno restaurate, si effettuerà la manutenzione delle scalinate a mare, installati impianti luminosi a led. Sarà realizzata una pavimentazione in pietra naturale alternata a superfici architettoniche con graniglia a vista, i marciapiedi, sia est che ovest, avranno una cordonata in pietra naturale, poi un’aiuola inerbita con park per bici, quindi la pista ciclabile che passerà da 2,50 a 3 metri con un elemento separatore dalla carreggiata stradale.

“Con l’aggiudicazione definitiva della gara – spiega l’assessore ai lavori pubblici Leo Sestri –  poniamo un ulteriore tassello del progetto di riqualificazione della passeggiata cittadina. E’ già stato installato il cantiere per le opere sui sottoservizi: sono lavori non visibili, ma indispensabili. La riqualificazione del lungomare sarà svolta per tratti: man mano che si chiuderanno i lavori per acqua e fogne, si avvieranno quelli per le opere di superficie”.

“Come anticipato nell’incontro dello scorso aprile durante il quale abbiamo illustrato alla città le linee guida del progetto – dichiara il sindaco Giovanni Gaspari – abbiamo acceso un mutuo di due milioni di euro con i quali realizzeremo circa 400 metri ma, con i ribassi d’asta, riusciremo a fare qualche decina di metri in più”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.262 volte, 2 oggi)