MARTINSICURO – E’ il giorno decisivo per le sorti della Veco. A Pescara si sta per tenere la conferenza dei servizi che dovrà fare chiarezza sulla vicenda delle autorizzazioni ambientali e di fatto chiarire se la Veco potrà continuare a lavorare.

Intanto, alcuni operai si sono portati sul tetto della storica fonderia in attesa di conoscere il proprio destino. “Resteremo qui fino a che non verrà fatta chiarezza su questa assurda vicenda.”

Seguono aggiornamenti.

Ore 10.13: A Pescara si respira un cauto ottimismo. Presenti in Regione il sindaco Paolo Camaioni, il consigliere provinciale Massimo Vagnoni e la proprietà dell’azienda. Conferenza ancora non iniziata. Presenti tantissimi operai.

Ore 10.40: Conferenza iniziata. Parola agli Enti (Arta e Aia). Assente il vicepresidente della Regione, Giovanni Lolli.

Ore 11.10: L’Arta sta esponendo la propria relazione e ha richiesto al Comune di Martnisicuro delle misure possibili per poter procedere alla copertura dei forni e ridurre così l’inquinamento acustico e ambientale.

Ore 14.oo: La conferenza dei servizi non si è ancora conclusa. Si è in attesa del verbale. Da quanto trapela da Pescara, però, mancherebbero ancora delle tappe intermedie prima che l’azienda ottenga di nuovo l’autorizzazione ambientale per poter tornare a lavorare. Ma sembra che le nubi inizino a diradarsi in casa Veco.

ore 20.50: si è da poco conclusa la lunga conferenza dei servizi, tenutasi in Regione a Pescara. Un incontro positivo a cui ha partecipato anche il sindaco Paolo Camaioni.

“Conferenza dei Servizi molto lunga ed articolata quella di oggi a Pescara. (dalle 10.30 alle 20) – dice il priml cittadino – Il Settore Qualità dell’Aria della Regione e l’Arta hanno condiviso con la Ditta alcune tempistiche definitive relative alle prescrizioni cui dare corso sia per la ripresa delle attività che per il medio periodo. Il Comune di Martinsicuro (rappresentato dal Sindaco, dal Vice con delega all’Urbanistica e dal delegato all’Ambiente) ha ribadito la sua disponibilità alla soluzione della vicenda in tempi brevi, compatibilmente con le norme di legge e tenendo conto soprattutto della portata occupazionale della vicenda e del rispetto dell’ambiente. Auspichiamo soluzioni rapide e condivise nell’interesse di tutti, manifestando fin d’ora un cauto ottimismo per la chiusura positiva della Conferenza dei Servizi.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 986 volte, 1 oggi)