SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Musica, brindisi, panettone e pandoro. Tutto rigorosamente in piazza, in un centro rivitalizzato e rianimato. Il Capodanno di Fides Vita si rivela un successo e compensa il vuoto generato dalla decisione dell’amministrazione comunale di relegare all’interno del Palanatale i festeggiamenti per l’arrivo del 2016.

Messo in piedi grazie all’autofinanziamento degli aderenti al movimento, il “Capodanno in Piazza” sopperisce all’assenza di grandi nomi con balli, canti, gare di limbo e tonnellate di buona volontà. Tanto basta per ripopolare un Viale Secondo Moretti altrimenti desolato.

“Non ci siamo voluti contrapporre all’amministrazione comunale – afferma il consigliere comunale dell’Udc Domenico Pellei – tuttavia ritenevamo fosse importante offrire un gesto di piazza, anche contro questo clima di tristezza e tenebra che c’è nel mondo. Era importante mandare un messaggio di speranza ravvivando il centro. La gente attende queste iniziative, non pretende cose eclatanti, ha bisogno di incontrarsi, di una presenza viva. Non ci vogliono grossi investimenti, il cartellone non conta. Conta un modo diverso di fare festa”.

Decisivo è stato pure un clima meno rigido del solito, che ha convinto i cittadini a non rintanarsi da subito all’interno della tensostruttura di Piazza Mar del Plata. Prima, durante e poco dopo la mezzanotte, il tendone mostrava evidenti defezioni, salvo poi cambiare marcia a partire dall’una con la musica de La Banda e di Storteaux, veterano del rock sixties marchigiano.

Sul fronte dei botti, si conferma inutile l’ordinanza emanata da Giovanni Gaspari. Una marea di ragazzini ha acceso ugualmente petardi, mortaletti e artifici pirotecnici, avvalorando così lo scetticismo del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che martedì scorso aveva definito inutile il provvedimento varato da vari sindaci italiani.

Notte di movida invece sul lungomare, dove la mancanza di parcheggi nel tratto nord è stata neutralizzata da una interminabile fila di automobili in sosta sugli stalli destinati ai motocicli.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.372 volte, 1 oggi)