SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Non farò ancora una volta il consigliere comunale d’opposizione”. Pasqualino Piunti ha le idee chiare sul suo futuro, qualora non dovesse essere eletto a sindaco. In caso di sconfitta elettorale, l’ex vicepresidente della Provincia lascerebbe la poltrona al primo dei non eletti della sua coalizione, rifacendosi al precedente di Domenico Martinelli che nel 2006 rinunciò allo scranno conquistato nella veste di candidato al Municipio

Restare all’opposizione per il terzo quinquennio consecutivo non sarebbe accettabile. E l’esempio potrebbe essere seguito anche dal centrosinistra, da parte di chi non vede alternativa alla possibilità di diventare sindaco.

Sotto le feste Piunti sarà chiamato a lavorare sul rafforzamento delle alleanze. La fuoriuscita del gruppo di Giorgio De Vecchis da Fratelli d’Italia spinge Forza Italia a tentare un nuovo approccio con il movimento di Giorgia Meloni.

“Se si riuscirà a trovare presto una sintesi bene altrimenti faremo le nostre scelte – dice il vicesegretario regionale di Fdi Marco Fioravanti – come tempistica non si potranno superare le festività natalizie. Noi andiamo avanti, abbiamo una squadra importante che spingerà la lista. Puntiamo a diventare la lista principale del centrodestra sambenedettese. Stiamo costruendo un gruppo numeroso, seguendo i principi di rinnovamento e cambiamento. Ma serve tempo e fatica”.

Ai vecchi militanti, Fioravanti manda un chiaro messaggio: “Chi fa progetti di distruzione aiuta l’altra parte. Rompe e distruggere è facile, ma si agevolano i rivali. A San Benedetto noto che si parla troppo delle persone e poco di temi. Alla gente certe polemiche non interessano”.

Sull’eventualità della nomina di Nelson Vitali a nuovo portavoce di Fratelli d’Italia al posto di Barbara Sanavia, Fioravanti glissa: “Non ci interessano le etichette e i personalismi, il nostro obiettivo è mettere persone in lista che rappresentino la città. La lista viene prima di tutto”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 591 volte, 1 oggi)