SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si chiamerà “Orgoglio Sambenedettese” la coalizione che ospiterà partiti e liste civiche fuoriuscite dal centrodestra. Capitano della squadra sarà Giorgio De Vecchis, ormai a tutti gli effetti ex tesserato di Fratelli d’Italia.

Le porte sono aperte a tutti i sambenedettesi liberi e di buona volontà – dice il candidato sindaco – la politica amministrativa non ha a che vedere con le ideologie, basta il buon senso”.

Attualmente però ad aderire sono tutte quelle realtà che non si sono riconosciute nella leadership di Pasqualino Piunti, dopo essersi sedute al tavolo promosso dall’onorevole Gianluigi Scaltritti: 63074, Orgoglio Civico, Sbt2016, Repubblicani.

La speranza è allargarsi il più possibile, ottenendo magari consensi trasversali: “Per il programma dovremo individuare le priorità di intervento, perché la coperta delle risorse a disposizione è sempre più corta. Non presenteremo un libro dei sogni”.

Nelle prossime settimane si lavorerà alla formazione del simbolo di partito, con l’obiettivo di allestire almeno tre liste, di cui una legata allo stesso De Vecchis.

Il progetto “Orgoglio Sambenedettese” viene svelato durante la cena di presentazione della civica 63074. “Si costituisce una nuova classe dirigente – annuncia Vincenzo Amato – San Benedetto ha bisogno di una rivoluzione culturale, lavorativa, di idee. Siamo aperti a 720°, non badiamo al colore, ma all’uomo”.

Le critiche per l’amministrazione comunale si sprecano, tuttavia i destinatari dei maggiori affondi sono i rappresentanti dell’opposizione in Consiglio.

Ricompattarsi a questo punto è impossibile. De Vecchis e soci definiscono la frattura irreversibile. “Avevamo messo sul piatto l’ipotesi delle primarie per andare uniti, ci hanno detto di no – sentenzia Benito Rossi – sono loro che hanno voluto rompere. Avremmo preso un impegno, siglato un patto nel quale si sottoscriveva l’obbligo di sostenere chiunque avesse vinto. Nel Pd partecipano addirittura in quattro, perché noi non potevamo farle? Perché questo irrigidimento?”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.900 volte, 1 oggi)