PEGORIN 5,5 Forse poteva fare qualcosa di più in occasione della rete ospite: il tiro, abbastanza forte e proprio sotto la traversa, non era però molto angolato.

MONTESI 6 Per gran parte del primo tempo non trova i tempi per gli inserimenti a centrocampo, come ci aveva abituato. Diversa cosa nella ripresa quando va anche vicino alla marcatura.

TAGLIAFERRI s.v.

FLAVIONI 6,5 Appoggia molto di più l’azione offensiva rispetto alle precedenti uscite. Nella ripresa, con l’ingresso di Raparo, gioca maggiormente in copertura.

BARONE 6 Il centrocampo a tre lo agevola e riesce a dettare i tempi dell’azione rossoblu, rispolverando la grande intesa con Sabatino, un po’ meno con Baldinini.

PEZZOTTI 7 Ormai è uomo dai minuti finali: entra e segna con grande regolarità. Un esempio, capitano anche partendo dalla panchina.

SALVATORI 7 Insieme a Conson svolge un’ottima azione di cerniera difensiva su giocatori non di poco valore come Bucchi.

CONSON 7 Grazie al fisico possente i suoi anticipi sono imperiosi. Prodigiose molte sue chiusure.

TITONE 7,5 Dopo il gol subito gioca per 20 minuti su livelli stratosferici, correndo come un ossesso e sfiorando un paio di volte la marcatura. Paga un po’ la sua grande generosità dovendo, poi, tirare un po’ il fiato. Nella ripresa agisce con più “chirurgia” e così ha la forza di saltare l’uomo e consegnare il traversone vincente per Sorrentino.

SABATINO 8 Solito lottatore di centrocampo, ancora una rete pesante che vale il gol dell’1-1. Superlativo nella seconda parte della ripresa, quando è un muro a centrocampo ed è sempre velocissimo a far ripartire l’azione. Non sappiamo più come assegnargli il voto, è da “8” ogni partita.

SORRENTINO 7 Dà l’anima ma finisce imbrigliato dalla coppia Rapino e Petronio. Dopo il pareggio si esalta e torna a recuperare fino alla difesa di casa. Suo è l’assist per il pareggio di Sabatino, poi spreca la palla del 2-1, poi, quando sembra non ce la faccia più, avvia l’azione per Titone e raccoglie il suo traversone per il gol della rimonta. L’allenatore ospite Epifani lo elogia pubblicamente.

PALUMBO 6,5 Un po’ meno preciso di altre occasioni in avvio, gioca comunque una grande quantità di palloni e su di lui vengono commessi ripetutamente falli non sempre rilevati, tra cui un possibile rigore. Come al solito nella ripresa diventa quasi imprendibile.

BALDININI 5,5 Grande dinamismo ma una incidenza non altissima. Ha una grande occasione a tu per tu con Calore ma gli tira addosso.

RAPARO 6 Ha ottima visione di gioco abbinata anche a una discreta forza fisica. Si intende molto bene con Titone schierato da mezz’ala, mentre nel finale gioca da regista. A volte affretta troppo l’azione.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.124 volte, 1 oggi)