MONTEGRANARO – Importante operazione compiuta nel Fermano nel Week End da poco trascorso. I carabinieri di Sant’Elpidio a Mare e quelli di Montegranaro durante alcuni controlli di Polizia Giudiziaria, hanno eseguito una perquisizione domiciliare nei confronti di un pregiudicato di Montegranaro. I militari avevano notato un’anfora esposta nel salotto dell’uomo che, per le sue caratteristiche, non è certo passata inosservata ai loro occhi.

Al rientro presso il loro reparto hanno attivato immediatamente una fitta rete d’informazioni e un’indagine supportata da conoscenze specifiche da parte di un Maresciallo che aveva in passato operato alle dipendenze dell’Arma “Tutela Patrimonio Culturale”. Hanno ottenuto dall’autorità giudiziaria un decreto di perquisizione per recuperare l’oggetto archeologico per essere così periziato e quindi stabilire la sua provenienza e il suo valore.

P. S., 35enne pregiudicato di Montegranaro (attualmente ristretto per altra causa), non è riuscito a fornire spiegazioni utili al possesso dell’oggetto. Ai militari aveva affermato di averlo comprato in un mercatino dell’antiquariato. L’uomo è stato denunciato per possesso illegale di reperti archeologici e ricettazione.

I carabinieri hanno accertato che l’anfora risale al secondo/terzo secolo a. C. ed ha un valore inestimabile. L’anfora sequestrata sarà portata nel museo storico di Ancona per essere ammirata nella sua totale bellezza.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.050 volte, 1 oggi)