SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ iniziato, mercoledì 2 dicembre, con la potatura degli oleandri di viale Buozzi e piazza Giorgini, il lavoro prestato dai quattro giovani rifugiati politici provenienti da Pakistan e Nigeria.

In Italia da maggio, dopo aver frequentato un corso formativo sulla sicurezza sul lavoro, coadiuvati dal capo operaio del servizio Parchi e giardini, per tutta la mattinata i ragazzi hanno lavorato nel centro cittadino.

I giovani, sulla base del protocollo d’intesa stipulato tra Comune e Prefettura di Ascoli Piceno, presteranno il servizio gratuito ogni mercoledì come previsto dalla convenzione stipulata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con le associazioni “Casa Lella” e “I Care” che si occupano della prima accoglienza dei richiedenti asilo politico e protezioni internazionali.

“Grazie alla collaborazione con due associazioni del territorio e all’impegno dei quattro ragazzi – spiega l’assessore all’immigrazione Luca Spadoni – riusciamo a mettere in pratica un principio fondamentale dell’accoglienza dei rifugiati politici: creare una reale integrazione dei soggetti ospitati in città che, attraverso il lavoro volontario, si rendono utili anche per il mantenimento del decoro urbano”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 483 volte, 1 oggi)