SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Polizia di Stato delle provincie di Ascoli Piceno e Fermo ha effettuato nelle giornate del 19 e 20 novembre controlli straordinari del territorio. L’intero personale della Polizia delle province di Ascoli Piceno e Fermo è stato impiegato in un’operazione sinergica e coordinata del controllo del territorio con oltre 150 operatori su strada impegnati in varie tipologie di servizio che sono andati dai posti di controllo fino alle ispezioni amministrative in sale Slot, Night Club e attività di “Compro Oro”.

Sono stati riportati in sintesi i seguenti risultati: nella Provincia di Ascoli quattro denunce (di cui uno straniero) mentre a Fermo sette denunce (due stranieri). Nove controlli di cittadini stranieri nell’Ascolano e 33 controlli nel Fermano. 18 posti di controllo nella Provincia di Ascoli e 6 in quella di Fermo. Controllati sette esercizi pubblici nell’Ascolano e 10 nel Fermano. Sono state identificate in totale 610 persone e 322 veicoli. E’ stata ritirata una patente di guida, elevate 45 contravvenzioni al Codice della Strada, sequestrato un veicolo, rinvenuto un veicolo rubato e sequestrata un’arma da taglio.

Sono stati segnalati anche alcuni episodi. Nella zona collinare di San Benedetto del Tronto è stata segnalata la presenza di una autovettura sospetta che sostava a fari spenti e motore acceso. Il personale  della Polizia accorso immediatamente in forze ha verificato che all’interno della stessa vi era una donna travisata con una calza di nylon sul volto che evidentemente attendeva dei complici che stavano compiendo un reato. Effettivamente in un villetta poco distante tre individui di etnia Slava stavano compiendo un furto e alla vista della Polizia si sono lanciati oltre un muro di recinsione dandosi alla fuga nelle campagne circostanti. I  ladri pur facendo perdere le loro tracce a causa del buio sono stati però costretti a lasciare la refurtiva che è stata interamente recuperata. La donna, M. E. residente a Bovisio Masciago, è stata arrestata e sono in svolgimento le indagini per identificare i restanti membri della banda anche grazie alle evidenze probatorie raccolte tra cui i telefonini con cui la banda comunicava.

Durante un posto di controllo sulla Statale 16 a San Benedetto del Tronto è stata fermata un’autovettura di grossa cilindrata a bordo della quale vi erano due persone di etnia rom entrambe pluripregiudicate. Dall’archivio informatizzato risultava poi che il passeggero S. K. era agli arresti domiciliari per una pena di 8 anni ed è stata denunciato per evasione. Il conducente guidava senza patente in quanto precedentemente ritirata e la macchina risultava sprovvista di assicurazione, pertanto è stata sequestrata. All’interno di un’altra autovettura guidata da un pregiudicato è stata rinvenuta una mazza di grosse dimensioni di quelle utilizzate per i furti attraverso lo spacco della vetrina. L’ oggetto è stato sequestrato e la persona denunciata.

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.205 volte, 1 oggi)