MARTINSICURO – Sembra non avere fine il botta e risposta tra la locale sezione del Pd e la giunta Camaioni. Dopo le critiche dei dem dei giorni scorsi, che avevano definito Martinsicuro “un paese indecoroso”, arriva pronta la risposta dell’amministrazione comunale.

“Gli esponenti di questa amministrazione – si legge in una nota a firma della giunta Camaioni – sono soliti vivere a fondo il territorio, per cui i problemi segnalati dagli esponenti del PD, come al solito impegnati a rincorrere le segnalazioni in maniera tardiva, sono stati già posti all’attenzione degli uffici preposti a risolverli da diverse settimane.

1) In maniera affrettata e colpevolmente superficiale i giovani dem hanno parlato di potature abbandonate sul lungomare: come sempre ci tocca correggerli e dopo gli opportuni sopralluoghi degli agronomi dell’ex Arssa si è iniziata la rimozione delle foglie delle palme colpite da punteruolo. Prendiamo atto del fatto che, qualora avessero amministrato loro, avrebbero fatto pressioni per non rispettare le norme, ma purtroppo chi ricopre il ruolo di amministratore e non fa il politico, deve tener conto delle procedure di legge. Per il problema punteruolo rosso come al solito si parla senza aver verificato: ma la cosa oramai non ci stupisce;

2) I pochi rifiuti in Piazza Cavour, risultato dei conferimenti degli esercizi commerciali che si trovano nel perimetro indicato, sono stati prontamente rimossi sulla scorta delle nostre segnalazioni che risalivano ad un paio di giorni prima;

3) Il palo della pubblica illuminazione di Piazza Cavour è stato piegato da un mezzo preposto alla raccolta dei rifiuti nella mattinata di sabato 31 Ottobre. Nel primo pomeriggio di lunedì 2 Novembre è stato ripristinato. Come NON sanno i baldi giovani del PD, un servizio di reperibilità domenicale per questo tipo di inconvenienti non esiste e, qualora ci fosse stato, invece di scattare fotografie, da Consiglieri avrebbero avuto il dovere di contattarlo; ma non sempre ci si rende conto del ruolo che si ricopre;

4) Abbiamo frequentato con buona assiduità i cimiteri nella giornata di domenica 1 Novembre, riscontrando una situazione di assoluta normalità. Anche per quanto concerne il solito disco rotto che accomuna buona parte della minoranza non sfuggirà a costoro che:
a) Bandiera Blu – Accuse pretestuose e senza costrutto. Le cause sono strutturali: la qualità di un fiume non si risana dall’oggi al domani. Occorrono interventi mirati che noi abbiamo già messo in campo, ma è necessaria soprattutto l’assistenza imprescindibile degli Enti sovracomunali.
b) Obelisco – La sua rimozione è frutto di accordi e decisioni che risalgono a precedenti amministrazioni. Anche in questo caso il PD avrebbe potuto decidere di lasciare una Piazza con due obelischi, o magari di abbattere quello costruito di recente. Noi abbiamo ritenuto di fare la scelta più logica, loro di cavalcare un cavallo zoppo. Pazienza!
c) Finanziamenti Cinema Ambra – Ridicolo affermare che sono stati persi (e questo vale anche per l’altra fetta di minoranza che pare in preda ad una crisi di nervi). Saranno prontamente riattivati, non appena avremo presentato il progetto definitivo e saranno erogati sia dalla Fondazione Tercas che dalla Regione Abruzzo in misura sufficiente ad un’opera funzionale ed armonica con il nostro Centro Urbano;
d) Finanziamenti sulle Scuole – è falso affermare che non si siano presi finanziamenti. E’ vero che non si sono chiesti in quanto destinati ad interventi di cui le nostre strutture non avevano bisogno. Per il resto, quanto era possibile ottenere è stato ottenuto e siamo in corsa su tutte le altre partite aperte per gli altri interventi previsti con fondi sia ministeriali, che regionali.

Consigliamo ai componenti del Partito Democratico di concentrare meglio le energie al fine di poter evitare le solite magre figure.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 315 volte, 1 oggi)