GROTTAMMARE – Non sarà una festa senza possibilità di assaggiare qualche bevanda alcolica, ma l’intento di evitare gli episodi di abuso degli ultimi anni ha indotto l’amministrazione comunale grottammarese ad un programma molto severo sotto il punto di vista della prevenzione e della sorveglianza. Così per la Fiera di San Martino, prevista in centro il 10 e l’11 novembre, nella mattina di mercoledì si è svolta una riunione con i vertici locali dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia Municipale e della Protezione Civile.

Dall’incontro, finalizzato a organizzare le operazioni di vigilanza sulla Fiera di San Martino, è emersa la pianificazione di un presidio che coinvolgerà il massimo delle forze a disposizione.

Una prima importante novità è l‘estensione dell’impegno dei Carabinieri, che copriranno con quattordici unità su più turni l’intero arco delle due giornate. A ciò si aggiunge l’impiego su più turni di tutti gli agenti della Polizia Municipale, ai quali saranno aggiunte tre unità chiamate in servizio per i giorni della Fiera.

Oltre al massimo sforzo della Protezione Civile, che lavorerà con due turni rispettivamente di otto unità, sarà aggiunto il sostegno di una squadra di vigilanza privata. Quest’ultima presidierà nei pomeriggi l’area di degustazione vini con tre addetti fissi, per poi operare nell’intera area fieristica durante la notte con tre uomini.

Queste disposizioni si aggiungono alle scelte già assunte mesi fa dall’amministrazione comunale su alcuni aspetti della Fiera. Tra le altre, riguardo all’area dedicata alle cantine vinicole, per una maggiore prevenzione quest’anno è stata cambiata la location, individuata nel Giardino Comunale, più piccolo e controllabile rispetto al Parco delle Rimembranze, oltre che privo di musica, sedute e tavoli che possano indurre a una eccessiva permanenza.

Inoltre, al fine di ridurre i consumi durante la Fiera, è stato fissato il divieto di vendita di contenitori superiori a 0,75 litri, come le damigiane da 3 e da 5 litri che hanno un prezzo proporzionalmente più basso e che quindi sono più economiche per chi volesse abusarne. Le bottiglie stappate non potranno uscire dall’area e verrà chiesto un documento agli acquirenti per accertarne la maggiore età.

È infine prevista per il giorno 11 novembre la presenza dell’Unita di Strada dell’Ambito Sociale 21, addetta all’informazione e alla prevenzione sugli abusi di alcolici e di droghe.

“Nei due giorni della Fiera abbiamo organizzato la presenza di 46 persone articolata in diverse fasce orarie per garantire il controllo e la sicurezza dell’evento – dichiarano il sindaco Enrico Piergallini e l’assessore Lorenzo Rossi – San Martino è una festa dedicata all’autunno e ai prodotti enogastronomici della nostra terra. Ci auguriamo che tutti coloro che vorranno divertirsi nella Fiera lo facciano con coscienza, rendendo superfluo lo sforzo di tutte queste persone messe in campo”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 683 volte, 1 oggi)