PEGORIN 6 Praticamente mai impegnato dagli avanti del Giulianova se non in qualche traversone in cui si fa ben valere.

PINO 6 Arriva ed esordisce ma non mostra i patemi “emozionali” degli altri under impiegati in simili condizioni durante questo campionato. Mostra sensazioni positive, va ovviamente giudicato con più calma e a fronte di avversari più difficili. Ammonito, rischia il secondo giallo e Palladini lo sostituisce per precauzione.

MONTESI 6 Entra al posto di Pino. Si mostra subito molto pratico nel suo pezzo migliore, l’incursione offensiva, considerando la pochezza degli attaccanti ospiti.

FLAVIONI 6 Torna in campo dal primo minuto dopo molte domeniche in panchina. Soffre un po’ le incursioni sulla sua fascia di competenza.

BARONE 7 Suo l’assist per il gol in apertura di Bonvissuto. Suo il raddoppio su rigore. Nella ripresa strappa applausi per una conclusione volante dalla linea di centrocampo, con il portiere avversario fuori dai pali: il tiro termina alto sulla traversa per pochi centimetri.

SALVATORI 6,5 Di Stefano non è avversario in grado di impensierirlo. Tanto che Giorgini lo sostituisce ma il risultato non cambia. Sempre pericoloso nei colpi di testa in attacco.

CONSON 6,5 Fa buona guardia e sembra migliorare di condizione fisica.

TITONE 6,5 Subito febbrile in avvio, è autore di alcune giocate in velocità che come al solito “spaccano” la difesa avversaria, su una di queste guadagna un calcio di rigore meritato. Nella ripresa va vicino al gol personale in alcune occasioni.

SABATINO 6,5 Rispetto alle ultime uscite casalinghe mostra una migliore condizione fisico-tattica. Fa contemporaneamente muro a centrocampo e appoggia l’azione degli attaccanti con incursioni centrali senza il rischio di “sfarfallare” come capitato a volte in passato.

BONVISSUTO 6 Supera il pericoloso impasse seguente la gara di Isernia realizzando la sua quarta rete in rossoblu in apertura di gara. Attivo nella prima parte della gara, non impensierisce oltre il portiere ospite e nella ripresa appare troppo statico.

SORRENTINO Si vuole mettere in mostra e il suo ingresso coincide con un risveglio della Samb nella ripresa. Restiamo convinti che sia un giocatore tutt’altro che under se schierato dietro la prima punta, perché ha le qualità tecniche per inserirsi e per giocare in profondità. Infatti nel finale Palladini lo schiera dietro Titone, spostato a centravanti, per provare un nuovo schema tattico.

PALUMBO 6,5 Più che un esterno nell’accezione calcistica attuale, sembra una classica ala di una volta. Difficilmente lo vedremo accentrarsi, e non ha una propensione naturale al tiro. Ma sulla fascia salta il marcatore con grande facilità, rendendo più facile il compito di compagni e centrocampisti.

PEZZOTTI s.v.

TROFO 6,5 Forse Palladini, che rispetto al giovane centrocampista aveva più qualità e facilità di inserimento offensivo, ha trovato per lui la connotazione più giusta ed ovvia, senza caricarlo di troppe responsabilità. Infastidisce positivamente il portatore di palla ospite su tutta la corsia destra.

PALLADINI 7 Supera lo scoglio del Riviera delle Palme, anche grazie ad un avversario davvero modesto. In due settimane ha ridisegnato la Samb a sua immagine e somiglianza, e di questo gliene va dato atto e merito. Siamo sicuri che con la società abbia già individuato i piccoli correttivi necessari e frutto di un po’ di fretta nella campagna acquisti partita tardi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.576 volte, 1 oggi)