MACERATA – Si è aperto nella mattina del 27 ottobre in Tribunale a Macerata il processo a carico di Sante Seminara, accusato di favoreggiamento, riciclaggio e ricettazione nell’ambito dell’inchiesta per l’omicidio del commerciante di pesce Pietro Sarchiè, ucciso barbaramente nel Maceratese a giugno 2014.

A Seminara, a quanto riporta l’Ansa, si addebita in particolare di aver aiutato Giuseppe Farina (sotto processo per omicidio volontario aggravato) prima a nascondere il furgone della vittima e poi a demolirlo in un capannone della sua impresa edile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 237 volte, 1 oggi)