MARTINSICURO – È possibile innamorarsi di uno sport? La risposta di Maria Graziella Bennati, Direttrice tecnica della Ginnastica Villa Rosa, è affermativa: “Ho iniziato con l’atletica leggera, ero una mezzofondista. La corsa mi piaceva, ma un infortunio al tendine d’Achille mi ha costretta a interrompere la mia carriera molto presto. Poi ho scoperto la ginnastica e le infinite possibilità di movimento che offre e sono rimasta folgorata”.

È proprio questa grande passione a muovere la Ginnastica Villa Rosa, nata nel 1990 e avente oggi circa cento iscritti, di cui quasi tutte femmine. “Sono di origine Toscana – continua Maria Graziella Bennati, anche Professoressa presso la Scuola Media di Martinsicuro – Ho conosciuto un calciatore di Giulianova e mi sono trasferita qui. Ho iniziato nelle palestre e in una buona società di ginnastica a Giulianova, poi ho aperto un mio centro a Villa Rosa, si chiamava ‘Body Center’. Era arrivata l’aerobica dagli Stati Uniti e noi la insegnavamo, ma ci siamo accorte che le bambine ambivano a qualcosa di più, volevano partecipare alle gare. Così è nata la A.S.D. Ginnastica Villa Rosa”.

Dedita inizialmente solo alla ginnastica artistica, la associazione sportiva abruzzese ha aperto le porte anche all’aerobica, quando questa è stata riconosciuta dalla Federazione Ginnastica d’Italia (FGI), e i risultati non hanno tardato ad arrivare: sono ben 22 i Titoli nazionali collezionati dalla Ginnastica Villa Rosa dal 2001 al 2015 tra Gruppo Aerobica Junior, Gruppo Aerobica Senior, Step Allievi, Step Junior A, Step Junior B, Step Senior, Challenger Aerobica Junior B e Challenger Aerobica Trio Junior B.

“L’aerobica si divide in alta specializzazione dell’aerobica da una parte e aerostep e aerodance dall’altra. L’aerodance prevede coreografie di squadra a corpo libero, mentre l’aerostep richiede l’utilizzo di step – spiega Maria Graziella Bennati – Abbiamo iniziato con l’alta specializzazione dell’aerobica, ma dovevamo avere a disposizione una struttura tutti i giorni per tante ore, quindi, per motivi logistici ed economici, siamo passati all’aerostep e all’aerodance, anche perché sono due attività che piacciono molto. Quanto alla ginnastica artistica, ci dedichiamo soprattutto alle attività di base per le giovani ginnaste, poiché la FGI prevede il tesseramento già a partire dai tre anni”.

La sede degli allenamenti della Ginnastica Villa Rosa, affiliata alla FGI e al CONI, è la palestra polifunzionale dell’omonima cittadina; le allenatrici, oltre alla direttrice tecnica Maria Graziella Bennati, che attualmente si occupa per lo più del coordinamento di tutti i settori e le attività, sono Valentina Celi e Arianna Di Pietro. Quest’ultima rappresenta l’istruttrice fondamentale, l’ideatrice delle coreografie che permettono alla Ginnastica Villa Rosa di conquistare premi.

Vincere è importante, ma non è tutto, perché sport significa in primo luogo benessere, divertimento, passione, disciplina: “Noi lavoriamo senza le riserve – precisa Maria Graziella Bennati – quindi in allenamento non c’è la possibilità di sostituire le eventuali assenti. Così le ragazze capiscono l’importanza dell’impegno e della costanza. In questo senso credo che lo sport sia una scuola di vita”.

I valori che la Ginnastica Villa Rosa trasmette alle sue allieve non svaniscono con il passare degli anni: basti pensare che, dopo l’università, esse tornano sempre alla palestra polifunzionale, luogo ricco di ricordi e di emozioni, per collaborare con le loro vecchie insegnanti o semplicemente per un saluto, a cui spesso si accompagna qualche lacrima di nostalgia. Una delle ex atlete ha addirittura aperto un proprio centro a Corropoli, regalando grande soddisfazione alla Direttrice tecnica, che ormai da più di vent’anni frequenta il mondo della ginnastica, ma non ha perso l’entusiasmo e non smette di essere innamorata dello sport. Questo quello che Maria Graziella Bennati e il suo staff vogliono comunicare alle sue ginnaste e, almeno finora, l’obiettivo sembra essere stato pienamente raggiunto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 609 volte, 1 oggi)