FANO- La Samb si tira fuori dalle sabbie mobili delle critiche piovute addosso dopo il brutto passo falso contro il Monticelli attraverso una imperiosa gara che ha portato quattro gol al Mancini di Fano, con la compagine di Alessandrini ora raggiunta in classifica da quella guidata da Beoni. Di seguito le impressioni raccolte dai protagonisti del match a fine gara:

Luigi Palumbo: Siamo una squadra forte e con la vittoria di oggi ci mettiamo definitivamente alla spalle la gara sfortunata col Monticelli. Quando gli viene chiesto se si sente un titolare risponde: “Questo è un gruppo costruito per andare fino in fondo ed è costituito da più di 11 titolari, vogliamo lottare fino alla fine e questa volontà è manifestata dal fatto che oggi abbiamo incontrato e battuto una grande squadra.”

Mario Barone: “Non sono importanti i miei 4 gol ma quanto la prestazione di squadra che oggi è stata maiuscola in risposta alla sconfitta col Monticelli. Di quella gara si è parlato fin troppo e la voglio considerare solo come un calo di concentrazione, oggi abbiamo cercato di sbagliare il meno possibile e siamo stati ripagati del lavoro che facciamo tutti i giorni.”

Marco Alessandrini (tecnico del Fano): Particolarmente critico verso il direttore di gara Alessandrini che dice : “probabilmente la Samb si è lamentata nei posti giusti in quest’ultima settimana, le lamentele pagano visto che l’arbitro ha sbagliato tutti i parametri di decisione, ci ha condizionato con un episodio, quello dell’espulsione che ci ha troncato le gambe fin dall’inizio non consentendoci di fare quello che volevamo ovvero stare corti e alti in pressing e alla fine abbiamo dovuto concedere più del preventivato a una Samb che comunque reputo, speriamo insieme a noi, molto competitiva per la vittoria finale.”

Loris Beoni: “La Samb non ha due facce, siamo questi dall’inizio di stagione con i tutti pregi e i difetti che ne conseguono, secondo me  siamo un gruppo valido e oggi i ragazzi sono stati “strabravi”. Dopo la sconfitta di domenica siamo stati attaccati ma secondo me c’è bisogno di più equilibrio nei giudizi perché dopo la vittoria di oggi non ci sentiamo dei fenomeni così come non eravamo brocchi domenica scorsa. I ragazzi hanno dimostrato grande passione e attaccamento alla causa.”

Franco Fedeli: “E’ cambiata la musica dopo la sconfitta di domenica, sono contento che abbiano recepito l’antifona. La squadra è riuscita a scuotersi e di questo sono felice nonostante da perfezionista debba rimproverare all’11 di aver sofferto un po’ troppo sul finire di primo tempo. Lo schiaffo col Monticelli credo basti e avanzi per il resto della stagione ora voglio i 3 punti con il Matelica in casa e soprattutto voglio che si rimanga coi piedi per terra. Questa vittoria in definitiva è importante per tutto l’ambiente, società, giocatori e soprattutto tifosi che sono la cosa che più mi sta a cuore.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.359 volte, 1 oggi)