SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ancora soddisfazioni per il sambenedettese Stefano Buttafoco. Due anni fa noi di Riviera Oggi “vedemmo giusto” quando lo indicammo come vincitore di un concorso fotografico da noi indetto.
Buttafoco si è ripetuto la settimana scorsa aggiudicandosi un concorso internazionale di fotografia a Soriano Calabro.
La foto con la quale Buttafoco ha vinto si chiama “Preistoric Ride” e ritrae un cavallo allo stato bravo che corre in un altipiano (la foto è stata scattata a Campo Imperatore, in Abruzzo). Così l’autore, nel suo blog, descrive la sua fotografia:

L’immagine ritrae un cavallo in condizioni di libertà che galoppa sotto un cielo minaccioso. La mia chiave di lettura è la seguente: il cavallo, simbolo di forza, integrità, purezza e nobiltà d’animo, galoppa, fugge, dall’incombente minaccia del cielo plumbeo che minaccia burrasca. Il cavallo è il nostro Io fanciullesco, la nostra parte più pura e vera; il cielo minaccioso è la società corrotta nella quale viviamo. La corsa del cavallo è la fuga dalle logiche arriviste ed egocentriche del mondo per ritrovare se stessi e ciò che per noi ha veramente valore, lontani dalle ideologie di massa e dal conformismo schiacciante.

Il termine “preistoric” sta per ritorno all’inizio, ad una età remota, quando eravamo puri.

Una fotografia è un ritaglio di un pezzo di vita, un suggerimento per una storia. Il fotografo propone, colui che guarda compie il suo viaggio , iniziando dal suggerimento del fotografo e proseguendo per strade che la sua sensibilità e il suo vissuto gli suggeriranno. Questo per dire, che ognuno può vedere in “Preistoric Ride” quello che meglio crede.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 604 volte, 1 oggi)