SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Presenti al tavolo, ma non per mettersi di travero. Orgoglio Civico precisa il ruolo avuto nel corso della riunione di centrodestra di mercoledì: “Siamo stati invitati a dire il nostro pensiero – dice Benito Rossi – ciò non può essere tradotto come funzione di ribellione o contestazione fine a se stesse perché così sostenendo non si disegna a mio parere la realtà delle cose. Una precisazione, ma solo per difendere chi come noi vuole ancora credere ad una proposta alternativa credibile. Per noi prima arrivano i programmi e le idee per la città attraverso percorsi condivisi e poi la scelta di un candidato capace di saper interpretare e gestire il mandato”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 312 volte, 1 oggi)