FERMO – Tutto era iniziato con la denuncia di tre 21enni che, sfuggendo a un’intercettazione da parte di una volante della Polizia, avevano gettato dall’auto uno zaino contenente marijuana. Era successo tra il 16 e il 17 settembre.

Tuttavia l’attività degli agenti e degli investigatori della Sezione Anticrimine ha portato ad approfondire gli elementi di prova acquisiti e parallelamente era iniziata un’altra indagine eseguita in tempi ristretti che, coordinata dalla Procura di Fermo, nel pomeriggio del 18 settembre ha condotto i poliziotti ad effettuare diverse perquisizioni in alcuni luoghi.

In una villa, situata in una contrada di campagna a Fermo, è stata reperita una piccola piantagione di cannabis con piante ancora da recidere e materiale essiccato pronto per la vendita. Durante il blitz il coltivatore, il 21 enne P.A.G , ha tentato una fuga per sottrarsi al controllo. E’ stato però fermato, arrestato e quindi posto in detenzione domiciliare su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

La sostanza reperita ha un peso complessivo ammontante a circa 1,5 chili (marijuana) ed è stata interamente sequestrata insieme alla piantagione. Nell’abitazione del coltivatore è stato trovato anche materiale necessario per il confezionamento delle dosi di spacciare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 944 volte, 1 oggi)