PORTO SAN GIORGIO – Sabato 12 e domenica 13 settembre sono stati due giorni molto intensi per la ginnastica artistica italiana: le quattro migliori società di Serie A1 si sono sfidate nella Golden League Gymnastics 2015, importante banco di prova per i prossimi appuntamenti. A ciascuna squadra sono state assegnate due atlete mediante sorteggio e tra queste vi è Jessica Hélène Mattoni della World Sporting Academy, che ha gareggiato con i colori della Artistica ’81 Trieste delle azzurre Tea Ugrin e Federica Macrì.

Nel corso della prima giornata, valevole per il concorso generale individuale e per la gara a squadre, la ginnasta sambenedettese è stata artefice di quattro prove complessivamente buone, riportando i seguenti punteggi: 13.700 al volteggio, 12.300 alle parallele asimmetriche, 13.750 alla trave e 12.200 al corpo libero, per un totale di 51.950 e il nono posto nel concorso generale, nonché l’accesso alla finale della trave, chiusa poi al sesto posto con 12.950 a causa di qualche imprecisione. Oltre a ciò, l’atleta della WSA è salita sul terzo gradino del podio nella competizione a squadre.

“Se doveva essere un test, credo che Jessica l’abbia superato egregiamente, sia dal punto di vista caratteriale che prestativo – commenta il Tecnico Jean-Carlo Mattoni, allenatore della ginnasta insieme a Elena Konyukhova – E’ riuscita, infatti, nonostante le problematiche locali, ad affrontare tutti i quattro attrezzi dell’all-around, classificandosi nona fra le prime dieci ginnaste italiane e qualificandosi ad una finale di attrezzo”.

Anche Jessica è soddisfatta della gara disputata a Porto San Giorgio: “Sono contenta dei piazzamenti che ho ottenuto. Ora sto lavorando per perfezionare i miei esercizi in vista dei Campionati italiani assoluti, in programma a Torino il 26 e il 27 settembre”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 647 volte, 1 oggi)