SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Fumata nera in casa centrodestra. Nell’attesa riunione di mercoledì sera non è stato composto il regolamento, non è stata stilata una bozza di programma e, soprattutto, non si è accennato al candidato sindaco da gettare nella mischia.

Tutto rimandato al 23 settembre. In quella data verranno nominati non più di dieci esponenti in rappresentanza delle liste che formeranno la coalizione. Il coordinamento avrà poi il compito di realizzare il programma di mandato.

La squadra sarà formata da Forza Italia, Lega, Ncd, Fratelli d’Italia, Repubblicani e alcune civiche. Non ci sarà l’Udc, che stringerà un patto col Pd, ma solo se ufficializzerà la completa discontinuità dall’amministrazione Gaspari.

Se si votasse domani, il candidato naturale sarebbe Pasqualino Piunti. Ad oggi non esistono alternative all’ex vicepresidente della Provincia ed anche se Fratelli d’Italia lanciasse una propria figura di riferimento (De Vecchis), si tratterebbe di una mossa troppo tardiva. Inoltre, l’assenza di Marco Curzi al tavolo ha allontanato l’ipotesi di clamorosi corteggiamenti circolata nei giorni scorsi.

La sensazione generale è che si virerà su Piunti per assenza di reali alternative.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 894 volte, 1 oggi)