SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Solito ferragosto e immancabili sbronze. Ma stavolta è stata solo una la segnalazione al 118 per coma etilico, arrivata alle 23.15 di venerdì.

Per il resto nottata tranquilla, fatta eccezione per una serie di incidenti stradali che ha tenuto impegnate le forze dell’ordine e qualche segnalazione per eccesso di decibel da parte dei residenti.

Nella zona dell’ex camping la musica ha intrattenuto i giovani fino alle 3, grazie al rap di Claver gold e Magellano, seguito dal dj set di Fabio Moretti.

Come prevedibile, è stata la spiaggia il luogo più frequentato. Dalle 5.30, la gente si è riversata presso lo stabilimento “Il pescatore”, dove il Quartetto Vivaldi è tornato ad esibirsi in riva al mare per il secondo anno consecutivo.

Il gruppo, composto dai docenti dell’istituto Vivaldi Piergiorgio Troilo, Paolo Incicco, Emiliano Finucci e Daniela Tremaroli, ha eseguito un vasto programma che ha spaziato dal Settecento al Novecento, con l’esecuzione di celebri composizioni di Bach, Vivaldi, Mozart, Grieg e Mascagni. Spazio anche alle colonne sonore di Ennio Morricone e a Nuttate de Lune, inno sambenedettese che ha chiuso un concerto applaudito da oltre cinquecento persone.

L’appuntamento, promosso dall’associazione Atp, sta diventando una piacevole tradizione di mezza estate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.707 volte, 1 oggi)