MARTINSICURO – Nella mattinata di giovedi 13 agosto, i condomini di quattro palazzine, 64 appartamenti, di via Positano nella frazione di Villa Rosa si sono dati appuntamento davanti al municipio di Martinsicuro per un sit-in di protesta.

I residenti della via, dopo diversi incontri senza esito, vogliono evidenziare le problematiche di un tratto della via dove le palme sono tutte secche, dove la manutenzione è fatiscente e dove non funziona la pubblica illuminazione. I residenti delle quattro palazzine chiedono il ripristino della salubrità e della sicurezza della zona, peraltro, molto trafficata.

Via Positano è una via che collega, nell’estrema zona nord della frazione, via Roma al lungomare. La via è divisa in due porzioni. La parte ovest con l’ingresso in via Roma sembra essere privata e facente parte di un comparto turistico, zona dove si trovano le quattro palazzine. Quella verso est, che sfocia sul lungomare, invece è pubblica e qui i lampioni di notte funzionano.

“Oggi, dopo un breve sit-in davanti al Comune – si legge in una nota a firma dell’amministrazione comunale – il sindaco e la giunta comunale hanno prestato nuovamente ascolto ai 34 condomini residenti nelle palazzine ubicate in via Positano. Ci dispiace non poco che si stia verificando questa situazione che si è trascinata per anni, senza trovare soluzione. Ricordiamo che via Positano nasce  come strada di cantiere in una lottizzazione, regolata da una convenzione scaduta. Non rientra nella progettazione del Piano Regolatore Generale, per cui la procedura di sanatoria risulta oltremodo complessa; allo stesso modo non è possibile effettuare un collaudo su una strada in cui non sono chiari i lavori eseguiti.

Al Comune spetta nel caso di specie solo la riscossione della polizza fideiussoria. La nostra giunta ha preso in carico la questione fin dal giorno del suo insediamento attivando dopo qualche mese l’avvio del procedimento per la rimozione/ripristino: a questo proposito, va precisato che quello di oggi risulta essere l’ennesimo incontro con i residenti i quali si aspettano che il Comune acquisisca l’area accollandosi i costi di gestione e di manutenzione. Per quanto ci riguarda, ci siamo impegnati a sollecitare gli uffici affinchè possano vigilare sulla corretta prosecuzione degli adempimenti da parte del privato e che ci si incontrerà nuovamente alla presenza del nostro legale del Responsabile dell’Area Urbanistica.

All’amministrazione spettano in ogni caso decisioni piuttosto complesse da assumere in quanto, come è giusto che tutti sappiano, deve attenersi al rispetto della normativa vigente che impone tempi non sempre brevi.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 705 volte, 1 oggi)