LIGNANO – Lo scudetto 2015 è andato a Terracina, che ha battuto la formazione di Oliviero di Lorenzo in semifinale. La Happy Car è sembrata meno carica delle precedenti partite, anche se ha comunque colpito quattro pali e una traversa, fallendo una rete già fatta e segnando i suoi gol con Franco Palma e con il portoghese Bruno Novo su rigore. Luca Addarii è stato il migliore in campo.

“Contro il Catania non abbiamo fornito la migliore prestazione – ha detto Palma – un po’ per la delusione delle semifinali, un po’ per la stanchezza derivante dall’aver disputato anche la Supercoppa. Ho segnato la prima rete, speravo che potesse dare una scossa alla squadra, ma alla fine è andata così. Rimane comunque una bellissima stagione, anche perché le semifinali sono state decise da episodi e le prime quattro si sono dimostrate alla fine tutte alla pari o quasi. La Samb rimane tra le migliori d’Italia e sono orgoglioso di aver vestito la maglia rossoblu anche quest’anno”.

Sulla medesima falsariga, il presidente Roberto Ciferni: “Ci tenevamo ad arrivare terzi, ma non ci strappiamo i capelli per questa sconfitta, alla fine della stagione possiamo vantare un quarto posto in Coppa Italia, un quarto posto in campionato e soprattutto la Supercoppa di Lega, che ci consente di mantenere la media di un trofeo a stagione”.

Happy Car Sambenedettese: Carotenuto, Nelito, Pastore, Marazza, Di Maio, Palma, Camilli, Bruno Novo, Ciferni, Addarii, Comello, Andre; All. Di Lorenzo.

Catania: Del Mestre, Gabriel, Nico, Platania, Palazzolo, Bosco, Maradona jr., Fred, Rodrigo, Zurlo, Ortolini; All. Della Negra.

Arbitri: Buscema di Udine e Bottalico di Bari.

Reti: 4’pt Platania (C), 4’pt Palazzolo (C), 9’pt Palma (S); 4’st Ortolini (C); 3’tt Rodrigo (C), 4’tt Rodrigo (C), 6’tt Bruno Novo (S) rig.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 317 volte, 1 oggi)