LIGNANO – L’inizio della gara è a favore della formazione di mister Di Lorenzo, che ha una ghiotta occasione con Andrè, il quale approfitta di un liscio di Pacini per piazzare il pallone tra palo e portiere e insaccare la rete del vantaggio rossoblu. Il primo tempo si chiude sul punteggio di 1 a 0 per la Happy Car, ma, nella ripresa, Comello deve superarsi per tre volte, prima su Carpita e poi su Gori in rovesciata. Dopodiché, giunge il pareggio di Valenti, anche questo con una bicicletta, gesto tecnico tipico del beach soccer.

Ma a sette secondi è ancora Andrè a mettere la firma sul risultato, piazzando di giustezza il pallone alle spalle del portiere bianconero. Nel terzo tempo, però, Viareggio è più incisiva e trova il pareggio al 6’ con una precisa punizione di Rafael, sulla quale Carotenuto nulla può. Quando la disputa dei supplementari sembrava l’epilogo più scontato, arriva la rovesciata di Valenti a far pendere l’ago della bilancia dalla parte dei toscani e l’incontro termina così 3 a 2 per Viareggio.

“Tra vincere e perdere – è il commento del presidente rivierasco Roberto Ciferni – spesso c’è solo una cunetta di sabbia, ma alla fine per la nostra società possiamo dire che l’obiettivo di inizio stagione è stato raggiunto. Volevamo restare per il terzo anno consecutivo tra le prime quattro squadre d’Italia e ce l’abbiamo fatta. Oltre tutto, abbiamo vinto la Supercoppa di Lega, quindi manteniamo la media di un trofeo all’anno che abbiamo da tre anni a questa parte. Siamo delusi per il risultato, anche perché volevamo dedicare l’eventuale vittoria al pescatore Massimo Liberati, che è tornato a casa dopo la detenzione in Gambia”.

Il portiere rossoblu Willy Carotenuto  prende la sconfitta con filosofia: “Questo è lo sport, questo è il beach soccer. Valenti si è inventato un gran gol e dobbiamo solo fargli i complimenti, anche perché la nostra resta comunque un’annata più che positiva. Siamo tra le prime quattro squadre d’Italia e abbiamo vinto la Supercoppa, se pensiamo solo a qualche anno fa, viene da dire che ne abbiamo fatta di strada”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 321 volte, 1 oggi)