SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato, giunto in redazione, da Ambiente e Salute Nel Piceno. E’ stato mandato il documento a vari enti e autorità cittadine di molti Comuni e regionali come Ceriscioli, Gaspari, Casini e Celani.

“Si comunica di aver inviato il documento in allegato alle autorità ed enti competenti per quanto riguarda il progetto di stoccaggio di gas naturale nel sottosuolo di San Benedetto del Tronto.

Non è stata fornita ancora alcuna risposta da parte dei destinatari.

La città di San Benedetto ha perso ormai troppo tempo dietro il problema dello stoccaggio senza che venissero applicate le soluzioni fornite per bloccare la realizzazione dell’impianto, ed ulteriore tempo non può essere sprecato.

In assenza di una rapida risposta, a tutela dei nostri diritti, non ci resterà altra via che avviare una vertenza per il recupero dei danni patrimoniali e di ogni altro tipo verso funzionari, istituzioni ed enti responsabili.

Affinché la vicenda possa chiudersi in modo rapido ed indolore, senza l’avvio di scontri e contenziosi legali con le istituzioni, vi esortiamo ad intervenire presso le autorità e gli enti competenti affinché diano una risposta positiva alle richieste nostre e di tutta la cittadinanza, provvedendo alla revisione della Via Regionale ed al rigetto dell’autorizzazione per l’ impianto di stoccaggio“.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.149 volte, 1 oggi)