SAN BENEDETTO DEL TRONTO- La notizia è una di quelle che tendono ad aprire il cuore, non già per il facile connubio tra catastrofe e ricostruzione, tra opulenza occidentale e miseria del resto del mondo, ma perché un atto di solidarietà umana è qualcosa di grande per la sua stessa natura che tende a riconciliarci a sua volta con la nostra di natura: quella di esseri umani. E un atto di solidarietà a tutti gli effetti è quello di Raffaella Milandri e dell’associazione sambenedettese Omnibus Omnes i quali si apprestano a ricostruire, in Nepal, una scuola distrutta dal terremoto dello scorso 25 aprile.

La Milandri si è recata recentemente in Nepal per documentare il disastro ma anche per distribuire generi di prima necessità
nelle zone più colpite dal terremoto, insieme al Mys, associazione studentesca nepalese supportata dalla Omnibus. Questa distribuzione è stata possibile proprio grazie alle prime donazioni raccolte nel Piceno.

Proprio da questo viaggio nasce poi una serata, quella del 6 agosto, quando, alle 21,30 presso il Circolo Nautico di San Benedetto, si terrà la proiezione delle bellissime immagini del Nepal realizzate  proprio da Raffaella Milandri.
Alla serata, che ha il patrocinio del Comune di San Benedetto, interverranno la Consigliera Regionale Paola Petrucci e la psicoterapeuta Antonella Baiocchi, che parlerà delle conseguenze psicologiche e traumatiche del terremoto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 380 volte, 1 oggi)