MONTEGRANARO – Episodio increscioso nella serata del 27 luglio. A Montegranaro i carabinieri hanno impedito a un 45enne del luogo di farsi saltare in aria dopo aver saturato l’appartamento di gas tenendo aperti tutti i rubinetti. L’uomo aveva già tentato di suicidarsi tagliandosi le vene un mese fa. Il 45enne, dopo essersi separato dalla moglie, ha perso le staffe. Ad allertare i militari è stato un parente dell’uomo che aveva saputo del gesto drastico.

In via Bellini si sono vissuti attimi di tensione. La palazzina è stata prontamente evacuata dalle forze dell’ordine. I Vigili del Fuoco hanno sfondato la porta dell’abitazione insieme ai carabinieri. I militari hanno immobilizzato l’uomo. Il 45enne aveva con sé due accendini. E’ stato trasportato all’ospedale dove sarà sottoposto al Tso.

Erano state interrotte, per precauzione prima dell’irruzione, tutte le forniture di gas ma l’uomo aveva all’interno anche una bombola. I Vigili del Fuoco sono ancora al lavoro, l’appartamento è ancora saturo di gas.

Una vicenda che ricorda quella accaduta a gennaio a Grottammare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.601 volte, 1 oggi)