MARTINSICURO – Rubano un marsupio sotto un ombrellone di una spiaggia di Villa Rosa, ma vengono notati dai bagnini che, tramite WhatsApp, segnalano l’accaduto in tempo reale ai carabinieri. Sono stati così arrestati, dopo un breve inseguimento, due marocchini, uno di 33 anni domiciliato a Spinetoli e uno di 23 di Campli. Un terzo complice, un 21enne di Sant’Omero, che faceva da palo, è stato denunciato.

L’unione fa la forza,è proprio il caso di dirlo. Da qualche tempo il comandante della caserma di Martinsicuro, il luogotenente Antonio Romano, ha attivato un gruppo su WhatsApp, chiamato “Milleocchisullacittà”, attraverso il quale sono collegati i carabinieri di Martisicuro e i bagnini in servizio sulla costa. Grazie a questo servizio, i carabinieri possono ricevere segnalazioni e agire tempestivamente. Proprio come è avvenuto nella giornata di ieri, venerdi 10 luglio, quando nei pressi dello chalet Brigantino di Villa Rosa i due ladruncoli si erano appropriati di un marsupio di una donna di Ascoli Piceno. I bagnini hanno subito segnalato sul gruppo l’accaduto e i tre sono stati fermati immediatamente.

Il giudice, nella mattinata di sabato 11 luglio, ha convalidato i due arresti. I due magrebini hanno patteggiato la pena, 8 mesi, che è stata sospesa e sono stati multati anche di 400 euro ciascuno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.312 volte, 1 oggi)